Zoo – Quando la natura si ribella

Gli esseri umani di tutto il mondo se ne stanno tranquilli nelle loro case a trascorrere le proprie vite, quando all’improvviso vengono registrati attacchi da parte degli animali: sono anomali e sembrano quasi organizzati e mirati a danneggiare l’uomo. Si tratta di un virus? O forse è una mutazione genetica? Lo zoologo Jackson Oz viene incaricato, insieme al suo amico guida di safari, una reporter, un veterinario patologo e un’agente dell’intelligence francese, di indagare su questa strana pandemia e di trovare una cura.

Ma non mancheranno certo gli ostacoli da parte di chi non vuole che si indaghi sul fenomeno, o le improvvise rivelazioni sul passato dei personaggi, ognuno con la propria storia. E ovviamente le storie d’amore, e anche qualche risata ogni tanto, anche se la componente drammatica è decisamente la maggiore. In ogni momento lo spettatore è in ansia perchè sa che nessuno è al sicuro, dato che non si sa con certezza quale specie il virus possa colpire, e anche l’innocuo cagnolino di casa può rivelarsi una minaccia. Più gli animali sono grandi e feroci e più attaccano violentemente, ma anche dei piccoli topolini o delle formiche possono rivelarsi letali. La serie forse non cattura dall’inizio, ma più si va avanti più diventa emozionante seguire i protagonisti nelle loro ricerche ed essere coinvolti ogni volta che si presenta una complicazione.

Ciò che è sicuramente interessante è il messaggio che viene lanciato, gli uomini sono costratti a rivalutare la loro supremazia e il loro sfruttamento della natura: se gli animali si ribellano il probabile motivo è che forse sono stanchi dei soprusi. La loro coalizione contro il genere umano è estremamente minacciosa e punta alla conquista del controllo planetario.

Tratta dall’omonimo romanzo di James Patterson, la serie viene prodotta in America dalla CBS e conta al momento tre stagioni (la terza appena conclusa), mentre in Italia la serie viene trasmessa da Rai4 e si è appena conclusa la seconda stagione.

Personalmente vi consiglio moto questa serie, forse parte un po’ lenta, ma è accattivante, con una buona dose di adrenalina, e ci si affeziona ai personaggi. Recuperatela in questi ultimi giorni d’estate!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo e seguici su facebook per restare sempre aggiornato!

 

 

Condividi su