Uno sviluppo travagliato ed esaltante

       WhaleWatchers_WEB

Lo sviluppo di un videogioco è faticoso ed esaltante, divertente e deprimente, elettrizzante e spaventoso; chi di videogiochi se ne intende lo sa da tempo, l’industria è un luogo punitivo e pieno di incertezze.

Credo che uno degli esempi migliori per valorizzare questa teoria sia Bioshock Infinite, uno dei miei titoli preferiti della passata generazione di console, nonché uno di quei giochi ad aver realmente visto uno sviluppo travagliato e creativo, mi piacerebbe parlare approfonditamente di questo, per far capire a voi lettori quanto L’industria sia cambiata radicalmente, e di come i Game designer non siano più visti di buon occhio dai Publisher.

Partiamo dal principio: la demo mostrata all’E3 2010 ,mi ricordo come su fosse ieri: Levine preso dalla sua abituale euforia mentre parlava di un ambientazione open world formata dalle macro-isole dell’arcipelago volante di Columbia, con un sistema di combattimento che avrebbe permesso di salire di 100 mt tramite la skyline, uccidere 50 nemici per poi scendere ed andare in aree che sarebbero state dedicate solo all’esplorazione.

maxresdefault

Ma il dettaglio che mi saltò subito all’occhio fu Elizabeth,un personaggio che in quei 10 minuti di demo era stata in grado di trasmettere una grande4 caratterizzazione, e dei poteri straordinari che l’avrebbero però consumata poco a poco, mano a mano che li avrebbe usati.

E poi Songbird e la sua rabbia cieca, gli abitanti di Columbia impazziti per via delle collisioni tra realtà parallele, che avrebbero alterato in maniera attiva intere aree di gioco, insomma nonostante arrivavo da un deludente Bioshock 2, persi davvero la testa per quel gioco, fu insomma amore a prima vista, soprattutto perchè gli sviluppatori erano apparentemente quelli del primo Bioshock.

Le voci, sul gioco e le dichiarazioni di Levine, soprattutto riguardo al suo modo di sviluppare giochi erano incessanti almeno, fino a quando, improvvisamente nell’oramai lontano 2011 scemarono del tutto.

E poi; come un lampo a ciel sereno arrivò l’E3, e con mia grandissima impazienza un’altra demo.

maxresdefault (1)Ma il design del gioco era totalmente cambiato, il filtro per le luci ,i modelli dei nemici tutto; soprattutto la città di Columbia più luminosa e ben lontana dall’art decò.

Elizabeth non aveva ancora pieno controllo sui suoi poteri, ma usandoli lei non avrebbe avuto conseguenze; una scelta che ho condiviso sin da subito, perché ammettetelo, quanti di voi avrebbero aperto qualche portale vedendo Elizabeth degenerare?

La sensazione però di essere in un mondo enorme, pieno di scelte ed in continuo mutamento era rimasta.

Tutti furono colpiti da un cambiamento così drastico, perchè dalle demo all’uscita del gioco, non è da tutti attuare scelte simili, preferendo di solito agire sulla grafica o attuando scelte di design per rendere più intuitivo HUD.

Decidere di fare un simile cambiamento non è comune…

Levine non si fece attendere; spiegando: che la prima versione di Columbia sembrava una Rapture trasportata di forza in cielo e ciò lo infastidiva, l’unico modo per rimediare era attuare delle scelte di design molto aggressive, come togliere più nuvole possibili, o elementi che ricordavano troppo la città sottomarina.

bioshock-infiniteScelta che inizialmente non piacque per nulla al resto di Irrational che imputò a Levine quell’effetto cartone animato che nella demo dell’E3 2011 si notava fin troppo bene.

Il primo rinvio del gioco non si fece attendere, a quel punto per quasi un anno infinite cadde nel dimenticatoio.

Voglio scrivervi di questo periodo , soprattutto ora che Irrational ha chiuso i battenti e cominciano a saltare fuori i primi dettagli, e i primi scheletri dall’armadio.

Primo su tutti Bioshock infinite a quanto pare esaurì tutto il budget in 3 anni dal 2008 al 2011, e con tutti quei soldi Irrational cosa avrà mai creato?.

Nulla; concretamente nulla, nel 2011 il gioco era ancora un cantiere aperto, tanto che la macchina del marketing smise di avanzare, motivo: il gioco poteva essere cancellato, un destino decisamente triste, ma allora come e perchè infinite è finito sugli scaffali?.

Bisogna ringraziare l’intervento di una persona , pedina che vi svelerò più avanti in queste vicende.

Un altro punto, strettamente collegato al primo è il coordinamento dello sviluppo nelle mani di Ken Levine che in quei tre anni aveva sviluppato in una maniera del tutto particolare; senza seguire nessun filo narrante e nessun piano di lavoro, certo è il metodo più efficiente per riuscire a creare idee davvero creative, ma se non si pone una fine voluta, si rischia di trovarsi pieni di idee slegate tra loro e senza fili narranti per congiungerle rischiando di creare una situazione che molto facilmente sfuggirà di mano.

Voglio leggervi però le parole di Levine stesso:

 

2604558-7283772622-c50KeLa nostra filosofia è di sviluppare ciò che ci salta in testa, non di avere una linea da seguire per lo sviluppo; se alla compagnia non va bene allora gli faremo cambiare idea.

Questo non è un team di sviluppo che segue un foglio scritto il primo giorno, nulla nel gioco è certo al 100%”.

 

Il risultato di questo sviluppo libero e non lineare è stato che infinite è cresciuto troppo, troppo per creare un gioco che avesse un inizio ed una fine e troppo per il bilancio di 2k games.

Il polverone di quel periodo si alzò ancora di più quando i due direttori artistici di Irrational, lasciarono la compagnia, uno di questi, Wells successivamente assunto da naughty dog ha dato a The last of us buona parte del suo look.

Fu così che Bioshock infinite perse gli ultimi sviluppatori che ai tempi avevano partecipato anche alla creazione del primo Bioshock oltre allo stesso Ken.

Come mazzata finale, dopo 8 mesi dal suo licenziamento Wells espresse il suo stupore, su come il suo nuovo posto di lavoro fosse un luogo non dominato dall’ego.

Non neghiamolo chiunque abbia almeno visto parte di un intervista o di un dibattito con Ken Levine presente; sa che si tratta di una persona particolarmente egocentrica.

Lessi tempo fa su un noto sito straniero un’intervista fatta alla doppiatrice di Elizabeth (Courtnee Draper), che spiegò come buona parte della sua ottima interpretazione fosse merito di Levine che le faceva recitare battute specifiche a seconda del suo umore, ed in situazioni al limite della follia come alle 3 di mattina, o dopo un lutto.

2K games era indecisa sul dichiarare infinite un progetto cancellato definitivamente a causa delle idee create a iosa da Levine che avevano portato il gioco a lievitare troppo.

lizcomstock_ONLINEMa come dall’ nulla apparve in suo “aiuto” un certo Rod Fergusson talmente colpito da infinite, da decidere di lasciare la dirigenza di Epic games per subentrare come direttore amministrativo ad Irrational portando nuovi fondi con se, e prendendo nemmeno troppo dolcemente per i testicoli infinite per riuscire a incastrare i pezzi apparentemente incompatibili che si erano formati sotto la dirigenza di Levine, e creare qualcosa che funzionasse nel complesso.

Rod di certo non è un pivellino e vanta oltre venti anni nell’industria, sa certo come deve essere costruito un gioco c’è soltanto un piccolo particolare, non è un artista come Levine; quest’ultimo senza troppi giri di parole fu messo da parte ed impegnato sulla sceneggiatura e limitato al ruolo di consigliere, ma le sue scelte non avrebbero avuto più nessun impatto sul gamplay.

Fergusson prese ciò che funzionava e piaceva all’utente medio,e tranciò senza pietà le idee troppo strambe e quelle che avrebbero richiesto troppo tempo di sviluppo,forse è anche per questo che Songbird soprattutto ed altri personaggi importanti sono stati un po’ trascurati.

Ed ecco così che con mia grande tristezza infinite non divenne uno pseudo-open word con un ambientazione in continuo mutamento per via delle realtà parallele, dove ci si sarebbe potuti muovere tramite le skyline, e non ebbe un gamplay caratterizzato da scelte,dei poteri più strambi e una Liz più dinamica.tcvista_ONLINE_large._V376368064_

Diventando si uno shooter di fattura ottima dalla forte componente esplorativa, ma non ciò che era stato promesso inizialmente.

Parte che però sarebbe potuto diventare lo si trova in Burial at sea ep: 2, dove saltano subito all’occhio delle cutscene ben più generose, ed una struttura dei livelli più aperta e molto più grande, oltre a qualche chicca nei caricamenti davvero ben riuscita quando l’inevitabile morte sopraggiunge.

Il secondo viaggio a Rapture nei panni di Elizabeth è stato costruito intorno alla trama,al design e alla atmosfera molto più di infinite liscio, provare per credere.DeluxeGuitarist_WEB

È vero mi si potrebbe rammentare che ci sono delle aree in infinite dove la skyline permette di raggiungere luoghi più in altro, e pezzi dove si deve solo esplorare senza temere di essere attaccati, ma tutto ciò comparato alle due demo ha…un non so che, di limitato ecco.

Per quanto strano possa sembrare, vi sono stati anche dei tagli per quanto riguarda le tematiche trattate nel gioco, quella che segue è una mia semplice ipotesi sul perchè:

2k ha già perso la pazienza con Levine per colpa dei costi di sviluppo,e vuole ardentemente almeno guadagnare qualcosa, se si scatenasse anche una qualsiasi discussione su determinati argomenti trattati nel gioco, beh sarebbe un gran problema.

Mi stupisco ancora di come infinite nonostante le tematiche che poco pesanti alla fine non sono, sia ecco…passato inosservato, per quanto lo stesso Levine abbia ammesso di aver nell’ultimo anno reso più leggere buona parte delle scene dedicate a Comstock poiché potenzialmente offensive per i credenti e a suo dire non necessarie nel complesso narrativo.

Alla fine penso che quella che la tastiera del mio portatile ha delineato, non sia tutta la verità e ho davvero la netta impressione che non la sapremo mai.

Irrational oramai ha chiuso nonostante fosse in salute, probabilmente Levine non si sentiva sufficientemente libero e 2k voleva evitare di creare un altro gioco con uno sviluppo che le sarebbe sfuggito di mano; chi lo sa.

Ma cosa irrational ci ha lasciato; due dei migliori giochi della generazione passata, oltre che un ultimo dlc che potrebbe essere tranquillamente un gioco nuovo e che per molti versi supera il titolo originale e ne approfondisce soprattutto quei personaggi come la Fizroy o Fink un po’ rimasti in ombra,questa saga lascia una grossa eredità, poichè qualunque videogioco che vuole puntare sulla trama se la dovrà vedere con Bioshock e Bioshock infinite e molto probabilmente ne uscirà con le ossa rotte.

Levine è stato si recluso da 2k a creare videogiochi di taglia piccola con 15 persone, ma se saprà imparare dagli errori che ha fatto,ne vedremo sicuramente delle belle,fino ad ora si sa solo che il suo futuro progetto è strettamente legato con la narrativa non lineare.

tumblr_ne4mpbfVBC1skjsqyo10_1280Un ultima cosa prima di chiudere, se non avete ancora rimediato i due giochi creati da questi talentuosi ragazzi, per cortesia giocateli.

E se davvero volete approfondire il lavoro fatto sulla componente artistico-creativa di infinite io vi consiglio caldamente di prendere l’artbook di 200 pagine.

Condividi su