The Simpson Guy

the-simpsons-with-the-griffins

 

Il crossover più atteso e più irriverente è arrivato finalmente in Tv! L’articolo può contenere spoilers.

Il 28 settembre è stata una data importante per tutti i fans delle due famiglie più amate della televisione; naturalmente stiamo parlando della prima puntata della tredicesima stagione dei Griffin, dal titolo The Simpson Guy. Come dice il titolo, si tratta di un crossover fra le due famiglie, scritto da Patrick Meighan e diretto da Peter Shin, dalla durata di 45 minuti.

L’idea del crossover è stata partorita da Richard Appel e Seth MacFarlane, con il benestare di Matt Groening e della Fox. Anche se non è stato programmato un sequel dell’episodio, il finale appare una provocazione e quindi non ci resta che attendere e sperare.

Sinossi: Dopo che Peter disegna e pubblica delle vignette ironiche sessiste si scatenano delle rivolte femministe contro di lui, che è costretto a scappare con la famiglia. I Griffin incominciano il loro viaggio, ma purtroppo la loro auto viene rubato da un cittadino di Springfield. Arriverà in loro aiuto Homer che ospiterà loro a casa, creando equivoci e scene molto diverse da quelle che di solito ci aspettiamo dalla Gialla città.

Seth MacFarlane ha spiegato che la chiave per la buona riuscita del crossover è stata l’interazione fra i vari personaggi: Homer che interagisce con Peter, Stewie con Bart e così via.

Prima interazione: Meg e Lisa. Lisa cercherà di far capire a Meg, che nonostante le percosse psicologiche di Peter, anche lei vale qualcosa. E scopriamo un vero e proprio talento in Meg, una cosa strana visto il soggetto.

Seconda interazione: Stewie e Bart. Stewie si innamora e idolatra Bart, al punto di copiarlo, fare “scherzi telefonici” a Boe e rapire tutti i bulli e i suoi nemici per torturarli. Forse troppo anche per Bart…

Terza interazione: Marge e Lois. È stata la coppia meno usata nell’episodio. Due persone completamente opposte che cozzano fra di loro.

Quarta interazione: Piccolo aiutante di Babbo Natale e Brian et Chris. Brian deve scontrarsi con il fatto che a Springfield i cani sono cani!

Quinta interazione: la migliore di tute, Homer e Peter. Homer aiuterà a cercare la macchina dei Griffin e diventerà molto amico di Peter, tuttavia quando si parla di birra, diventa una guerra fra Duff e Pawtucket Patriot, che sfocerà in uno scontro prima burocratico e poi fisico (chi ha detto Chicken fight?..). Durante la lotta vi è anche un cameo di Roger da American Dad che parla, naturalmente, con gli alieni di Springfield.

La critica si è divisa, c’è chi lo ha considerato un buon episodio e chi invece ha detto che è sottotono, ma tutti concordano che i due diversi tipi di umorismo non possono convivere. Ad esempio sono state criticate alcune scene Homo-pompadibenzina, una battuta sullo stupro (che ha creato non poco critiche),la lotta finale e l’autolavaggio sexy.

Alcuni giornali hanno, invece, sottolineato come in realtà ci sia stata una presa di distanza fra i due tipi di humor, quando Bart ritiene il comportamento di Stewie da psicopatico e nega la sua amicizia perché spaventato.

Secondo la mia opinione, l’episodio in sè è abbastanza buono, con alti e bassi, ma la comicità è troppo differente e questo spesso porta ad essere “sconvolti”, visto che non ci si aspetta certe cose nei Simpson, che è sì irriverente, ma è un tipo di umorismo più sottile e politico, mentre quello dei Griffin è più black humor e politically incorrect. Rimane comunque un MUST da vedere.

Voi cosa ne pensate? Commentate e ditemi la vostra!

Ti è piaciuto l’articolo?Condividi questo articolo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato.

 

Condividi su