Square Enix e i giochi annunciati


Da molto poco la nota casa videoludica Square Enix, assieme alla Ubisoft, ha annunciato nomi e i titoli dei prossimi giochi, che presenterà durante l’EGX di Londra, altrimenti noto come Eurogamer Expo, organizzato dalla Gamer Network.

Nessun Final Fantasy XV e/o Kingdom Hearts 3

 

Se da un lato la Ubisoft presenterà Far Cry 3, Asassins’ Creed: Rogue e The Crew, La Square Enix richiama l’attenzione dei giocatori con il debutto di Sleeping Dogs: Definitive Edition, Lara Croft e il Tempio di Osiride, Nosgoth e Lord of the Fallen. Oltre al più recente annunciato Final Fantasy: World Wide Words, gioco che vedrà un cast composto dai maggiori personaggi della serie e un sistema di gioco che, pur richiamando i temi classici, si baserà sull’utilizzo di parole e sulla giusta composizione delle stesse.

Nel rostro dei giochi, tuttavia, mancano sia Final Fantasy XV che Kingdom Hearts 3. Di cui, per altro, non è ancora pervenuto nulla e che quindi si fanno (ahimè) ancora attendere. Sul fronte Kingdom Hearts, la Square si sbottona soltanto per quanto concerne la versione HD chiamata Kingdom Hearts: HD 2.5 ReMIX. Senza contare tutta la line up di gadget e action figures che ne seguiranno.

003_thumb2

Lunghe attese

In fondo non dovremmo lamentarci: aspettiamo l’ex Final Fantasy Versus 14 dal lontano 2006, quando molti di noi chiamavano next gen la PS3 e l’Xbox360. Quando anche The Last Guardian ci faceva sperare in un nuovo seguito spirituale di Shadow of the Colossus. Ma se da un lato è ormai quasi certezza che non vedremo mai il titolo Sony, se non in un futuro incerto, quanto meno si è avuta l’accortezza di non indicare più date precise ma di lasciarci con un “è in lavorazione”.

Final Fantasy XV e Kingdom Hearts 3, invece, escono di tanto in tanto con immagini, trailer, piccolissimi stralci di gameplay che, in un modo o nell’altro, ci spingono a sperare e ad aspettare. Aspettare sì, mentre intanto ci propinano giochi di altro genere e che, non sempre, sono degni di questo nome. Il sentore di un fallimento è grande (quasi dieci anni di lavorazione per un gioco?), sempre considerato che la recentissima saga Final Fantasy 13, 13-3 e 13-3 non è stata affatto un gran trionfo. Ironico, se si pensa che, assieme a Final Fantasy 13, uscivano due titoli di tutto rispetto come Infinite Undiscovery e The Last Remnant. Mentre Final Fantasy 13-3 è stato accompagnato da Bravely Default, notoriamente acclamato come il miglior gdr di questo periodo e il vero erede della saga.

Non ci resta che aspettare, dicevo, e pregare che la Square non ci propini un altro lavoro poco più che accettabile, seguito da una sfilza di lavori secondari che, invece, meritano o meriterebbero più attenzione.

Fonti:
http://kotaku.com
http://www.dualshockers.com/
http://www.eurogamer.net/

Condividi su