Pacific Rim

Recensione: Pacific Rim – La Rivolta

Pacific RimPacific Rim – La Rivolta è un film del 2018 diretto da Steven S. DeKnight e prodotto dalla Legendary Entertainment in collaborazione con la Universal Pictures. L’edizione blu-ray, disponibile anche in 3D e in 4K, è stata distribuita dal 4 luglio 2018 sempre dalla Universal Pictures Home Entertainment.

Il tanto atteso seguito dello spettacolare Pacific Rim del 2013 è arrivato circa cinque anni dopo l’uscita del primo capitolo, sarà valsa la pena di aspettare? Fin dai giorni immediatamente successivi alla proiezione in sala del film originale i fan chiedevano a gran voce altre storie sui potenti Jaeger e i loro scontri con i colossali Kaiju. Per anni si è parlato di possibili prequel ambientati al tempo di Coyote Tango e del suo pilota Stacker Pentecost (interpretato da Idris Elba in principio), oppure sugli inizi della lotta con i mostri provenienti da altre dimensioni. Un paio di anni fa invece arrivò la notizia che il nuovo film sarebbe stato un seguito diretto del primo film, ambientato una decina di anni dopo, con protagonista Jake Pentecost (John Boyega, lanciatissimo ad hollywood dopo i nuovi film di Star Wars) il figlio del salvatore del primo film. Le polemiche sono arrivate istantaneamente, visto che Pacific Rim era una storia abbastanza auto conclusiva, ed inoltre l’idea del figlio dell’eroe che diventa eroe a sua volta ha molto di già visto.

Dopo le presentazioni parliamo del film effettivamente uscito in sala, e che ora è arrivato nell’edizione scatolata. La trama è esattamente quella che ci si potrebbe aspettare da un film con i robottoni ed i mostri giganti, ma, a differenza di quell’altro franchise con le auto che si trasformano, nessuno ha cercato di forzare la mano. Il film intrattiene, diverte e in alcuni momenti stupisce, sopratutto durante i combattimenti, che sono coreografati in maniera chiara e lineare. Non è facile far risultare le scene coerenti se si ha a che fare con enormi entità composte solo da CGI, e Michel Bay ne sa qualcosa.  I seguiti raramente raggiungono il livello dei predecessori, e questo Pacific Rim – La Rivolta non fa eccezione; la messa in scena è molto più “tamarra” rispetto a come eravamo abituati, ma fortunatamente si sono saputi trattenere dall’esagerare. L’impatto grafico è ad un livello ovviamente eccezionale, sia per quanto riguarda le scene con attori in carne ed ossa, sia per le scene riprodotte in computer grafica. Si sente fortemente la mancanza dietro la macchina da presa di Guillermo del Toro (sempre sia lodato) dato che Steven S. DeKnight fa il suo compitino senza infamia e senza lode.

Se volete un bellissimo film d’azione Pacific Rim – La Rivolta è decisamente quello che fa per voi, anche se forse ha un po’ deluso le alte aspettative dei fan. Forse il troppo hype ha un po’ illuso il pubblico, ma le critiche sono arrivate addosso alla pellicola prima della sua nascita, che è sempre un errore. C’è molto di peggio in giro rispetto a questo Pacific Rim, anche se poteva essere migliore.

I contenuti speciali dell’edizione Home Video consistono in sei scene eliminate con tanto di commento del regista: sala degli Eroi, ponte di rivolta, diventando cadetti, criminale inaspettato, livello Jaeger successivo, e molto altro ancora!

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati.

Condividi su
Casco

Classico Nerd generico, nulla di più nulla di meno. Appassionato di Videogiochi, Film, Serie TV, Libri e Comics Americani.

PSN: Casco-1993

Instagram: Casco_93