Raspberry Retropie – Retrogaming low cost

Salve a tutti lettori di VeryNerdPeople, oggi impareremo come costruire una piccola console basata su RetroPie tutta nostra capace di emulare la quasi totalità delle storiche console che hanno fatto la storia del gaming.

Introduzione

La nostra console sarà basata su un raspberry pi 3, un piccolo ma completo single board computer (tutti i componenti sono integrati su di una scheda) che presenta le seguenti caratteristiche tecniche:

  • Cpu 1.2 GHz 64-bit quad-core ARM Cortex-A53
  • Gpu Broadcom VideoCore IV
  • Ram 1GB LPDDR2 @900 MHz
  • Wifi+Bluethoot
  • Porte usb, aux, hdmi ethernet

Per altre info: raspberrypi.org

Nonostante le dimensioni l’ultima versione di raspberry è abbastanza performante da riuscire ad emulare la maggior parte delle console senza difficoltà, tuttavia installare e configurare gli emulatori per tutte le piattaforme, specialmente su un sistema basato su cpu arm può portare diversi grattacapi, fortunatamente i ragazzi di RetroPie hanno realizzato un vero e proprio sistema operativo (basato su arch) che presenta già pronti e configurati la maggior parte degli emulatori, oltre ad un ottima ed intuitiva interfaccia grafica ed una pressoché illimitata possibilità di personalizzazione.

Necessario

  • Raspberry pi 3
  • SD Card classe 10 8+ gb
  • Chiavetta USB
  • Controller (usb o wireless)
  • Monitor + cavo hdmi

Installazione RetroPie

Prima di poter accendere il nostro raspberrypi sarà necessario installare sull’sd card che andremo ad inserire un sistema operativo (i sistemi operativi installabili sono molteplici), in questo caso andremo ad installare RetroPie, scarichiamo quindi l’ultima versione dalla pagina ufficiale.

Una volta scaricato l’archivio di retropie, estraiamo l’immagine contenuta ed andiamo a scriverla sulla nostra scheda sd.

Scritta l’immagine di RetroPie sulla scheda sd, inseriamo quest’ultima nel raspberry e colleghiamolo all’alimentazione, colleghiamo uno schermo tramite l’apposito cavo hdmi e un controller via presa usb (o una tastiera), se abbiamo eseguito correttamente la procedura, dopo qualche minuto di attesa e di preoccupanti scritte nere del terminale dovremmo vedere la schermata di configurazione dalla quale andremo a configurare il nostro controller (In caso di problemi: Guida completa alla configurazione)

 

Retropie controller configuration

 

Confermata la configurazione del nostro controller verremo finalmente accolti dalla schermata principale di retropie, navigabile tramite controller

Retropie home

 

Aggiungere ROM

Per motivi legali retropie non può inserire rom di giochi all’interno del proprio pacchetto, per questo motivo al primo avvio non ci sarà nessun gioco presente, per aggiungere le rom dei nostri giochi preferiti necessiteremo di una chiavetta usb, alla interno della quale andremo a creare una nuova cartella chiamata ‘retropie’ (senza apici), una volta creata la cartella inseriamo la chiavetta nel raspberry pi, riavviamolo ed attendiamo fino alla visualizzazione della schermata precedente.

Completato il boot RetroPie avrà creato le cartelle per ogni console supportata all’interno delle quali sarà possibile copiare le nostre rom

Una volta inserite le rom nelle rispettive directory, inseriamo la chiavetta nel raspberry, eseguiamo un riavvio e, nella schermata principale appariranno gli emulatori con i relativi giochi caricati

A questo punto sarete liberi di giocare all’incredibile parco titoli offerto dalle console supportate, retropie supporta ogni tipo di controller ed anche i titoli multigiocatore, diventando una console portatile delle dimensioni di un telefono capace di divertire voi ed i vostri amici !

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

 

Condividi su