Quando il Genio incontra l’Animazione

Princess_Mononoke

Benvenuti in questo primo di quattro articoli dedicati ai più famosi lavori del più grande e famoso regista di film d’animazione giapponese: Hayao Miyazaki.Essere un appassionato di manga e anime ma non aver mai visto una sola opera del regista è una grave mancanza. Miyazaki riesce a raccontare storie complesse e toccanti, coinvolgenti e profonde in sole due ore di tempo.

Io personalmente non mi occupo di film, non ne sono un grande esperto, lascio quindi il lavoro di recensire e valutare ai miei colleghi, limitandomi a esprimere le mie impressioni e i miei commenti su film che ogni amatore del mondo fumettistico giapponese dovrebbe vedere.

Ambientato nel Giappone medievale,  il La Principessa Mononoke inizia con uno scontro fra un demone ed il prode Ashitaka. Il giovane riesce a salvare il proprio villaggio uccidendo il demone, uscendosene solo con una ferita al braccio. Dopo essersi consultato con gli anziani, Ashitaka scopre la natura malefica del malessere, che lo destina ad una vita di atroci sofferenze, fino all’arrivo della morte. Unico indizio su un’eventuale cura, è una biglia di ferro trovata nel corpo del cinghiale indemoniato, Ashitaka parte per terre lontane in cerca dell’origine del misterioso oggetto, fino ad arrivare alla Città del Ferro, dove fucili e Spiriti-animali si danno battaglia per la distruzione/sopravvivenza dell’enorme foresta lì vicino..

Nel film è ben evidente il riferimento del regista allo stato di regressione che la Natura è costretta ad affrontare per permettere a noi di vivere più agiatamente, sebbene non critichi, attraverso i suoi personaggi, l’espansione territoriale ad opera dell’Uomo. Non vi è una netta distinzione fra ciò che è giusto e ciò che sbagliato, il film lascia la scelta allo spettatore, senza condizionarlo in alcun modo, ma mostrando come ci si dovrebbe comportare attraverso la maturazione dei personaggi stessi.

Potrei dire moooolto di più, ma vi lascio al piacere della scoperta, ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su