Parliamo con Martina: cosplayer eccezionale e audace!

Young!Son Hak da Akatsuki no Yona  (Photo di Flo Photography)

Young!Son Hak da Akatsuki no Yona
(Foto di Flo Photography)

Buonasera a tutti! Questo venerdì abbiamo per voi un articolo un po’ speciale. Abbiamo un’intervista alla cosplayer di arezzo Martina Piombanti, che partecipa ogni anno ai più svariati eventi “nerd”: dal Lucca Comics, al Riminicomix, all’Arezzo Comics, “per ovvie ragioni” (citandola), e chi più ne ha più ne metta. Quest’anno a Lucca si sono ammirati cosplay stupendi, elaborati, ben studiati e tra questi c’erano anche i suoi, per di più uno dei tre che ha portato è di un personaggio abbastanza particolare. Vi riportiamo le domande e le risposte dell’intervista.

Da quanto tempo fai cosplay?
Faccio cosplay dal 2009, dunque sono 7 anni.

Li fai completamente da te o hai qualche aiutino professionale?
Preferisco farli da me, cercando di trovare abbigliamento simile e poi modificandoli, ma per alcuni accessori particolari mi faccio aiutare da mia madre, perché ancora con la macchina da cucire non sono bravissima [ride].

martina cosplay 2

Maria Cadenzavna Eve da Senki Zesshou Symphogear G (Foto di Rin Rinoa).

Partecipi a competizioni?
Per le gare dipende, non mi sento molto a mio agio a farle da sola, preferisco fare coppie o soprattutto gruppi, ad esempio  ho sempre fatto la gara che si tiene a Lucca, vincendo pure l’edizione dell’anno scorso con un gruppo di fire emblem awakening.
Ma la cosa bella per me non è tanto il contest quanto girare sul palco e interpretare e muovermi come il personaggio.

Cos’hai portato quest’anno di cosplay al Lucca Comics?
Allooora, essendoci andata tre giorni ho portato 3 cosplay differenti, giovedì ho portato Yonaka di “Mogeko Castle” e facevo coppia con una mia amica che faceva Mogeko, mentre sabato sono andata lì come Ayame Kajou di “Shimoneta”, con il mio ragazzo che faceva Tanukichi, guardate tutti Shimoneta perché è un bellissimo anime!
Infine domenica ho riportato un cosplay che ho portato a Rimini che era Hak di “Akatsuki no Yona” mentre una mia amica che faceva Yona.

Quello di Shimoneta è un cosplay un po’ particolare, non ti sei minimamente sentita a disagio a girare per Lucca?
Naaa… alla fine avevo comunque calze color carne, pantaloncini e maglietta bianca sotto eeeee mutandine in testa, ma la gente mette le maschere e io metto le mutandine, cosa c’è da vergognarsi?

Tanukichi Okuma e Ayame Kajou/Blue Snow da Shimoneta

Tanukichi Okuma e Ayame Kajou/Blue Snow da Shimoneta (Foto di Marco Valducci).

Che ne pensi di questo Lucca Comics?
E’ stato molto divertente, ma per farsi Lucca tutti è quattro i giorni l’ideale sarebbe trovare una casa lì, io l’avevo trovata, ma il proprietario l’ha venduta all’ultimo momento, quindi ho dovuto rinunciare a un giorno e girare molto con treno/auto/pulman ed è stato piuttosto stancante.

Da quanti anni vai in Villa Fanner a fare le foto e come funziona?
E’ il mio terzo anno in questa villa, l’ingresso è a pagamento, ma per chi partecipa come cosplayer scelto dai fotografi costa solo quattro euro invece di sei.
La villa è molto antica e offre molti posti dove poter fare le foto, come un bellissimo giardino, le scalinate o stanze interne alla villa.
Inoltre offre un po’ di riparo dalla bolgia della fiera oltre ad avere camerini e bagni dove cambiarsi e fare tutto con più calma, ma se da una parte è un’oasi di tranquillità dall’altra un po’ tendi ad isolarti…
In pratica viene organizzato un evento invitando cosplay e fotografi, si può far richiesta di essere accreditato/a all’evento e se chi viene scelto ha una riduzione sul prezzo del biglietto e i fotografi gli daranno la priorità facendogli/le foto prima di quelli non accreditati.

Qual è la zona che ti è piaciuta di più?
Il Japan Palace mi è piaciuto, anche se devo dire che gli altri anni c’era più scelta, ma soprattutto mi è piaciuto molto la zona di Piazza Napoleone, dove si trovano tutti gli editori e autori di fumetti italiani.

Recluta idro da Pokèmon Rubino/Zaffiro (Foto di Giuls).

Perchè vai o consiglieresti di andare al Lucca Comics?

Vado al Lucca Comics perché è la mia fiera preferita ed è meravigliosa perché ogni stradina della città di Lucca ha qualcosa di particolare da vedere, per di più incontro molti miei amici del centro/nord che abitano lontani e che così posso ritrovare. Inoltre Lucca offre molti posti per fare foto. Gli unici contro sono l’arrivarci: se non si ha un appartamento lì è necessario partire molto presto o perdere potenzialmente tutto il giorno per trovare parcheggio o prendere il treno.

Articolo di Sani100 e Juliet.

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati.

Condividi su