View Post

GamesWeek 2017 – le nostre impressioni

    Cari lettori di very nerd people, anche quest’anno abbiamo partecipato alla gamesweek. Organizzato nei padiglioni di Rho-fiera Milano l’evento ha presentato un numero di stand ed eventi decisamente più elevato rispetto agli anni precedenti dando largo spazio a piattaforme di streaming ed esport con tornei e competizioni su un ampio parco titoli competitivi (Come League of legends, Overwatch, …

View Post

Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio – un giallo multietnico

In un momento in cui si parla tanto di immigrazione, ma senza mai rivolgersi ai diretti interessati, occorre forse andare a ripescare  “Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio” dello scrittore algerino Amara Lakhous, uscito 11 anni fa per Eo, ma sempre, anzi sempre più, attuale. Non è un trattato sulla situazione, né un racconto dei viaggi o …

View Post

Recensione: La torre nera (Nikolaj Arcel, 2017)

La Torre Nera di Nikolaj Arcel è l’adattamento cinematografico della celebre (e unica) saga fantasy scritta dal Re Stephen King. Premesso che io non ho ancora letto i libri e i fumetti che compongono la saga, posso dire che questo film ha molte pecche. La prima, e può sembrare strano dirlo, è la brevissima durata di 95 minuti, una durata …

View Post

Recensione: Wish Upon (John R. Leonetti, 2017)

Nell’arco della sua carriera da direttore della fotografia, John R. Leonetti ha fotografato film che non passeranno certo alla storia come dei capolavori (Mortal Kombat, Hot Shots 2, Il Re Scorpione etc.). La sua grande fortuna è stata quando James Wan ha voluto renderlo partecipe di tutti i suoi film da Dead Silence del 2007 fino a Insidious 2 del …

View Post

Recensione – The Defenders: bene ma non benissimo

Sin dall’annuncio ufficiale di The Defenders avvenuto all’inizio dell’anno attendevo con trepidazione questa nuova collaborazione Marvel/Netflix.  Tutto ciò perchè avevo appena terminato la prima e la seconda serie di Daredevil. Il me del passato era veramente euforico (cit..). Ora dopo l’ennesimo Binge-Watching sono pronto a dirvi la mia, saranno state rispettate le aspettative? Ni. Questo perchè come gia avete letto dal …

View Post

Zoo – Quando la natura si ribella

Gli esseri umani di tutto il mondo se ne stanno tranquilli nelle loro case a trascorrere le proprie vite, quando all’improvviso vengono registrati attacchi da parte degli animali: sono anomali e sembrano quasi organizzati e mirati a danneggiare l’uomo. Si tratta di un virus? O forse è una mutazione genetica? Lo zoologo Jackson Oz viene incaricato, insieme al suo amico …

View Post

Recensione: La Petite Mort II (Marcel Walz, 2014)

La Maison de la Petite Mort e’ un pub dove, a pagamento, si può assistere a ogni tipo di tortura tu richieda, e, con un extra, la tortura la fanno fare a te. Coloro che ci lavorano procurano le vittime e, in base al livello di atrocità e alla presenza fisica o meno del cliente, si decide il prezzo. La …

View Post

Recensione: 2:22 – Il destino è già scritto (Paul Currie, 2017)

2:22 è la storia di Dylan (Michiel Huisman), un ragazzo abitudinario, controllore di volo, che inizia a fare un sogno ricorrente: un omicidio nella Grand Central Station di Manhattan. Questa visione distrae Dylan sul lavoro e riesce a salvare in extremis una collisione tra un aereo in decollo e uno in atterraggio, ma viene sospeso per un mese. Il giorno …

View Post

Recensione: Bedevil – Non installarla (Vang Brothers, 2016)

Nel filone della tecnologia assassina si inserisce Bedevil – Non installarla, film dei fratelli Vang al loro esordio alla regia. Siamo partiti nel lontano 2000 con le videocassette assassine di The Ring per passare alle fotografie di Shutter nel 2004. Di recente ha fatto capolino il male 2.0, annidandosi tra computer e social network (Unfriended) e ora ha trovato la …

View Post

The Circle – insufficienza e superficialità (recensione)

Tra un Tom Hanks brizzolato e arzillo ed Emma Watson messia dell’era interconnessa, The Circle non fa centro. Si disperde nel troppo ordine, nella cupezza della distopia sventolata, nel dar lustro al divismo. Dietro, malandato e abusato, il sottobosco di potenziale ed estetica che sgomita per affiorare, per fare del cinema – che però non si palesa. Quello di James …