Oscar 2019: tutti i vincitori!

Eccoci arrivati alla serata più attesa del 2019 dai cinefili: gli Oscar, 91esima edizione. Andata in onda su Sky e su TV8 e commentata dagli immancabili Gianni Canova e Francesco Castelnuovo, per la prima volta dopo tre decenni questa serata non ha un presentatore ufficiale. Quest’anno è stato carico di ottime produzioni, primo fra tutti Bohemian Rhapsody, un vero capolavoro con 5 candidature, peccato non aver portato a casa la candidatura per miglior regia. Seguono l’irriverente La Favorita di Yorgos Lanthimos e Roma di Cuaron, film di Netflix non passato dai cinema ma solo sullo streaming, con ben 10 candidature. Poi A Star Is Born, film acclamato da pubblico e critica con Lady Gaga e Bradley Cooper, entrambi nominati, con 8 candidature. Stesso numero di candidature per Vice – L’uomo nell’ombra, col grande trasformista Christian Bale, anche lui nominato. Ma non dilunghiamoci oltre e vediamo i vincitori (sennò l’Academy ci spenge il microfono anche a noi):

Miglior attrice non protagonista:
Amy Adams – Vice
Marina de Tavira  – Roma
Regina King – If Beale Street Could Talk
Emma Stone – The Favourite
Rachel Weisz – The Favorite

Miglior documentario
J. Chin e E.Chai Vasarhelyi – Free Solo

R. Ross – Hale County
B. Liu – Minding the Gap
T. Derki – Of Fathers and Sons
B. West e J. Cohen – RBG

Miglior trucco e acconciatura
Goran Lundstrom e Pamela Goldammer – Border – Creature di confine
Jenny Shircore, Marc Pilcher e Jessica Brooks – Maria regina di Scozia
Greg Cannon, Kate Biscoe e Patricia DeHaney – Vice

Migliori costumi
M. Zophres – The Ballad of Buster Scruggs
R. Carter – Black Panther 
S. Powell – The Favourite
S. Powell – Mary Poppins Returns 
A. Byrne – Mary Queen of Scots

Miglior scenografia
H. Beachler e J. Hart – Black Panther
F. Crombie e A. Felton – The Favourite
N. Crowley e K. Lucas – First Man
J. Myhre e G. Sim – Mary Poppins Returns
E. Caballero e B. Enriquez – Roma

Miglior fotografia
L. Zal – Cold War
R. Ryan – The Favourite
C. Deschanel – Never Look Away
Roma – Vince Cuaron, nominato stasera in 4 categorie diverse
M. Libatique – A Star Is Born

Miglior montaggio sonoro
B. A. Burtt e S. Boeddeker – Black Panther
J. Warhurst e N. Hartstone – Bohemian Rhapsody  (vai così!)
A. Lee e M. I. Morgan – First Man
E. Van der Ryn e E. Aadhal – A Quiet Place
S. Diaz e S. Lievsay – Roma

Miglior Sonoro
S. Boeddeker, B. Proctor e P. Devlin – Black Panther
P. Massey, T. Cavagin e J. Casali – Bohemian Rhapsody
J. Taylor, F. A. Montano, A.Lee e M. H. Ellis – First Man
S. Lievsay, C. Henighan e J. A. Garcia – Roma
T. Ozanich, D. Zupancic, J. Ruder e S. Morrow – A Star Is Born

Miglior film straniero
Capernaum
Cold War
Never Look Away
Roma
Shoplifters

Miglior montaggio
B. A. Brown – BlacKkKlansman
L. Ottman – Bohemian Rhapsody
Y. Mavropsaridis – The Favourite
P. J. Don Vito – Green Book
H. Corwin – Vice

Miglior attore non protagonista
Mahershala Ali – Green Book
Adam Driver – BlacKkKlansman
Sam Elliott – A Star Is Born
Richard E. Grant – Can you ever forgive me? (Copia originale)
Sam Rockwell – Vice

Miglior film d’animazione
B. Bird – Incredibles 2
W. Anderson – Isle Of Dogs
M. Hosoda – Mirai
P. Johnston e R. Moore – Ralph Breaks the Internet
B. Persichetti, P. Ramsey e R.Rothman – Spider-Man: Into the Spider Verse

Miglior corto d’animazione
A. Snowden e D. Fine – Animal Behaviour
D. Shi – Bao  
L. Bagnall – Late Afternoon
A. Chesworth e B. Pontillas – One Small Step
T. Jimenez – Weekends

Miglior corto documentario
E. Perkins – Black Sheep
R. Epstein e J. Friedman – End Game
S. Fitzgerald – Lifeboat
M. Curry – A Night at the Garden
R. Zehtabchi – Period. End of sentence.

Miglior effetti speciali
D. DeLeeuw, K. Port, R. Earl e D. Sudick – Avengers: Infinity War
C. Lawrence, M. Eames, T. Jones e C. Corbould – Christopher Robin
P. Lambert, I. Hunter, T. Myles e J. D. Schwalm – First Man
R. Guyett, G. Cofer, M. E. Butler e D. Shirk – Ready Player One
R. Bredow, P. Tubach, N. Scanlan e D. Tuohy – Solo: A Star Wars Story

Miglior cortometraggio
V. Lambe – Detainment
J. Comte – Fauve
M. Farley – Marguerite
R. Sorogoyen – Madre
G. Nattiv – Skin

Miglior sceneggiatura originale
D. Davis e T. McNamara – The Favourite
P. Schrader – First Reformed
N. Vallelonga, B. Currie e P. Farrelly – Green Book
A. Cuaron – Roma
A. McKay – Vice

Miglior sceneggiatura non originale
J. e E. Coen – The Ballad Of Buster Scruggs
C. Wachtel, D. Rabinowitz, K. Willmott e S. Lee – BlacKkKlansman
N. Holofcener e J. Whitty – Can You Ever Forgive Me?
B. Jenkins – If Beale Street Could Talk
E. Roth, B. Cooper e W. Fetters – A Star Is Born

Miglior colonna sonora
T. Blanchard – BlacKkKlansman
L. Goransson – Black Panther
N. Britell – If Beale Street Could Talk
A. Desplat – Isle of Dogs
M. Shaiman – Mary Poppins Returns

Miglior canzone
All The Stars – Black Panther
I’ll Fight – RBG
The Place Where Lost Things Go – Mary Poppins Returns
Shallow – A Star Is Born
When A Cowboy Trades His Spurs for Wings – The Ballad of Buster Scruggs

Miglior attore protagonista
Christian Bale – Vice
Bradley Cooper – A Star Is Born
Viggo Mortensen – Green Book
Willem Dafoe – At Eternity’s Gate (Van Gogh)
Rami Malek – Bohemian Rhapsody

Miglior attrice protagonista
Olivia Colman – The Favourite
Lady Gaga – A Star Is Born
Glenn Close – The Wife
Yalitza Aparicio – Roma
Melissa McCartney – Can You Ever Forgive Me? (Copia originale)

Miglior regia
Spike Lee – BlacKkKlansman
Pawel Pawlikowski – Cold War
Yorgos Lanthimos – La favorita
Alfonso Cuaron – Roma
Adam McKay – Vice

Miglior Film
Black Panther
Bohemian Rhapsody
La favorita
Roma
Green Book
A Star Is Born
Vice
BlacKkKlansman


Spero abbiate passato una buona nottata all’insegna del cinema, della sua parte un po’ più frivola, ma sempre coinvolgente. A proposito del Miglior Film di quest’anno, come lo scorso, non sono mancati giustamente attacchi al Presidente e alle sue politiche, visto l’avvicinarsi delle elezioni. I presentatori e l’intera premiazione hanno continuamente invitato lo spettatore alla tolleranza, all’integrazione, all’abbattimento dei muri e dei confini, riconfermando il loro ruolo di ambasciatori non ufficiali di libertà e uguaglianza in netto contrasto con il governo americano e le tendenze politiche mondiali. Ottimi spunti su cui riflettere.

Siete soddisfatti dei vincitori? Commentate e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornati!

Condividi su