Naruto Gaiden, prime impressioni

boruto

E’ da un circa mese che il maestro Kishimoto ha ripreso a pubblicare le avventure del ninja che lo ha reso famoso in tutto il mondo. Questa nuova serie, a detta dell’autore, sarà incentrata sul figlio primogenito dell’attuale settimo Hokage di Konoha, ovvero Boruto.La prima cosa che ho notato è stata la somiglianza dei caratteri, e non solo, fra padre e figlio, non solo nel caso di Naruto e Boruto, ma anche per esempio fra Shikamaru e il piccolo Shikadai. Va bene che i figli assomiglino ai genitori, soprattutto nell’aspetto, ma ricalcare pari pari le linee comportamentali di quelli che saranno i nuovi protagonisti dello spin-off con i personaggi della serie originale è un’altra storia. Così si va a finire nello scontato e nel banale, alla stessa maniera del nuovo e misterioso nemico, che a giudicare dall’aspetto del suo occhio destro, si è sottoposto a un trapiantato oculare (benché si tratti di una mia personale speculazione), e indovinate, quale innovativo potere oculare ha ottenuto? Già nella storia originale abbiamo avuto abbastanza casi anomali, ma evidentemente non sono bastati, a quanto pare, più Sharingan ci sono, meglio è.

Sebbene la serie sia incentrata sulle vicende di Boruto, i primi capitoli vantano come protagonista indiscussa Sarada, figlia di Sasuke e Sakura, e la sua crisi d’identità dovuta alla poca somiglianza con la madre, che la spingono a lasciare il villaggio in cerca del padre mai incontrato, per ottenere le risposte che cerca in merito alle sue origini. Non è una novità incontrare bambini con gravi conflitti interiori nel mondo dei ninja, ma in tempo di pace sì; queste inquietudini però rendono anche la ragazzina più matura e sagace rispetto alla massa, differenziandosi dal precedente confine fra adolescenti infantili e assetati di sangue.

Nel complesso mi astengo dal rilasciare giudizi, sia per lo scarso numero di capitoli attualmente pubblicato, sia per il successo ancora sconosciuto del’opera, quindi vi lascio alla lettura, e ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su