Miyazaki cede il trono o se lo porta a casa?

Studio_Ghibli_Wallpaper

Hayao non mentiva: Si alza il vento è stato il suo ultimo (capo)lavoro. Dopo il suo ufficiale ritiro dal mondo della fantasia, lo Studio Ghibli sembra propenso a fermarsi con lui, come affermato dal produttore Toshio Suzuki.

Una scelta sicuramente comprensibile se si considera il fatto che Hayao Miyazaki è stato nientemeno che il fondatore dello Studio Ghibli, nonché il suo più celebre autore. Ma Miyazaki non è l’unico fornaio nella panetteria Ghibli: un altro nome celebre è quello di Takahata, e un altro ancora Miyazaki. Esatto, di nuovo Miyazaki, solo che stavolta si tratta di Goro Miyazaki, ovvero il figlio di Hayao.

Goro ha realizzato soltanto due lungometraggi, entrambi prodotti dallo Studio Ghibli, e secondo molti la sua abilità nel realizzare sogni non è neanche lontanamente paragonabile a quella del padre. Goro non ha sempre lavorato come regista, e se ha iniziato a lavorare con lo Studio Ghibli è stato solo grazie all’insistenza di Suzuki, lo stesso che ora afferma di voler chiudere bottega. Anche se inizialmente Hayao si era opposto a questa iniziativa di Suzuki, in seguito si è ricreduto dopo aver visto il primo lavoro del figlio: “I racconti di Terramare”.

Considerando quindi che oltre ad Hayao ci sono altri autori nello Studio Ghibli, risulta un po’ eccessiva la decisione di chiudere. Per di più, va comunque ricordato che Miyazaki aveva già affermato in passato di volersi ritirare, senza poi mantenere la promessa. E perchè no, magari stavolta si è ritirato per davvero, ma continuerà comunque a lavorare aiutando suo figlio nelle prossime realizzazioni. Le possibilità, teorie e supposizioni sono molte, ma alla fin fine, sono solo voci di corridoio. Voci che girano speranzose fra tutti coloro che, grazie all’esistenza dello Studio Ghibli, hanno potuto sognare ad occhi aperti, e vivere esperienze fantastiche in mondi straordinari, con personaggi e creature che sempre rimarranno nei loro cuori.

Studio Ghibli, comunque vada, grazie.

Condividi su