Meglio chiamare Saul!

bcs articolo

Partenza col botto per la seconda stagione di Better Call Saul, spin-off della più famosa serie tv: Breaking Bad.

Non possiamo mentire, tutti quanti attendevamo con ansia la seconda stagione dello spin-off di una delle serie tv più famose di tutte i tempi, che parla proprio di uno dei personaggi che più abbiamo amato, per il suo carattere controverso, e la sua mentalità dedita a se stesso.
Saul Goodman (interpretato da Bob Odenkirk), è lo strambo avvocato di Walter White (protagonista di Breaking Bad, interpretato da Bryan Cranston), che abbiamo spesso ritrovato in situazioni fuori dal comune, e soprattutto con dei consigli non proprio da avvocato che si rispetti (come il lavaggio di denaro sporco, o la tendenza a consigliare di far sparire corpi di gente che magari potevano  “intralciare” il loro lavoro).

Vince Gilligan (ideatore della serie), aveva già stupito tutti con una prima stagione intensa, incentrata proprio sulla vita passata, con flashback dal futuro, dell’avvocato.
Una delle cose più importanti, che potevamo aspettarci, è proprio la sua vocazione ad essere disonesto nei confronti di tutti, cercando di truffare più gente possibile, anche solo per qualche centinaio di dollari in compagnia di un suo amico.

Suo fratello Chuck McGill (interpretato da Michael McKean), cerca in ogni momento di riportare Jimmy (esattamente, il suo vero nome, colpo di scena, è Jimmy McGill e non Saul) sulla buona strada, ed è proprio per questo, se Jimmy, per dimostrare qualcosa a suo fratello, che oramai aveva perso le speranze nei suoi confronti, inizia a studiare legge, smettendo di essere “Jimmy Scivolone”.

Ritroviamo inoltre, un altro dei personaggi che in molti abbiamo amato: Mike Ehrmantraut (interpretato da Jonathan Banks), ex braccio destro di Gus Frings, passato in seguito dalla parte di Walter White.

Siamo quindi alla seconda stagione, che parte con un episodio carico di emozioni, che personalmente consiglierei assolutamente di recuperare, insieme alla prima stagione per chi non avesse avuto l’opportunità di vederla in passato.
Se posso permettermi, di dare un voto personale a questa prima puntata, sarebbe di certo 8 su 10.

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati.

Condividi su