Luci e ombre, nell’età degli Eroi

articolo

Prendiamo l’universo Marvel che conosciamo.. fatto? Togliamo i lati ironici.. fatto? Ed ecco che avremo le Originali Serie Netflix: Marvel’s Daredevil & Marvel’s Jessica Jones.

Tutti abbiamo già conosciuto il lato ironico del MCU (Marvel Cinematic Universe), con i suoi particolari e controversi personaggi: Peter Parker (Spider Man) e la sua abilità di avere la battuta pronta per ogni eventualità, Tony Stark (Iron Man) e la sua ironia anche nei momenti meno opportuni, l’irriverente ladro Scott Lang (Ant-Man II), e tanti altri “eroi”, che mettono a disposizione dell’universo, non solo i propri poteri, ma anche il loro talento nell’essere inopportuni con le parole. Scordate tutto, perché sono arrivati degli eroi, o meglio, quasi anti-eroi, dal passato travagliato che ci hanno fatto capire, che non sono i super poteri a cambiarti la vita, bensì gli eventi.

Jessica Jones e Matt Murdock, erano già conosciuti come supereroi dai modi un po’ “bruschi”, che preferirebbero spezzare un braccio in più, che dare una possibilità futura al villain di turno; il MCU, ci ha sorpreso con i toni più dark possibili, spesso accompagnati anche dalle colonne sonore perennemente in tensione, aspettando di esplodere con eventi dai toni ancor più sanguinari, dal solito standard. Gli attori protagonisti, ma soprattutto gli antagonisti, hanno aiutato questa ascesa ai toni oscuri, con molta facilità; Charlie Cox, attore protagonista in Marvel’s Daredevil, è apparentemente un avvocato cieco dal viso angelico, di cui nessuno potrebbe sospettare nulla, e non solo per il suo infortunio, che non lo vincola assolutamente nelle sue opere da vigilante mascherato, ma dal suo viso apparentemente pacato, e la sua spiccata cristianità. Lo vediamo spesso in confessionale, con il prete di quartiere, e tutti ricordiamo la frase contorta, che ci lascia pensare: “Padre, lei crede nel Diavolo?!”

Krysten Ritter, attrice protagonista dell’altro sorprendere serial, Marvel’s Jessica Jones, è un’investigatrice privata (Alias Investigation, il nome della sua piccola “impresa”), dal passato oscuro e difficile; sente di dover portare il peso della morte della sua famiglia, tutto sulle proprie spalle. L’abbiamo già conosciuta tutti, nei panni della tossicodipendente Jane Margolis, nella serie pluripremiata Breaking Bad. In questa ambito, non si discosta da personaggio afflitto da disagi sociali, mostrandosi spesso attaccata all’alcool ed al sesso, complice una relazione controversa con Luke Cage, barista di Hell’s Kitchen, che scopriremo essere anch’egli uno di “loro”, che non parte dall’amore, bensì dalla parte carnale del rapporto, ramificandosi poco a poco.

La ciliegina sulla torta, in entrambe le situazioni affrontate dai nostri protagonisti, saranno i Villain, i super cattivi: Zebediah Killgrave (Conosciuto anche come “Uomo Porpora”) e Wilson Fisk (Conosciuto anche come “Kingpin”, signore del crimine). Killgrave (interpretato da un grandissimo David Tennant), in maniera particolare, ha lasciato spesso a bocca aperta gli spettatori, nelle sue decisioni, che ricordiamo crude, tipo l’ordinare a due bambini di chiudersi nell’armadio…e…il resto lo scoprirete assaporando pian piano questa fantastica serie tv.

In realtà, il progetto Marvel su questi due personaggi, è ben più grande di quel che ci aspettiamo, questo è solo l’antipasto, di quattro serial, che porteranno alla conoscenza di un gruppo di eroi, dai toni molto cupi, che andranno a condire un crossover futuro: The Defenders.

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati.

 

Condividi su