L’ombra del vento

29atg61Il romanzo di cui parlerò oggi è ” L’ombra del vento ” pubblicato nel 2004 in Italia da Mondadori, l’autore è Carlos Ruiz Zafòn, nato nel 1965 a Barcellona, questo è stato il suo primo libro per adulti e, per sua fortuna, è diventato in poco tempo un successo letterario mondiale.

La storia che andremo oggi a raccontare parla di Daniel Sempere, un ragazzo figlio di un libraio, che svegliatosi il giorno del suo undicesimo compleanno viene portato dal padre in un luogo segreto e conosciuto a pochi, il Cimitero dei Libri Dimenticati, un dedalo di librerie altissime che formano un complesso labirinto in cui è facile perdersi e molto difficile ritrovarsi. Viene quindi affidato al ragazzo il compito di scegliere un libro, tra migliaia lì contenute, da proteggere e preservare per il resto della sua vita; proprio questo semplice compito sarà l’inizio delle avventure del ragazzo.Egli infatti sceglierà «L’ombra del vento» un libro scritto da Jualian Carax,  tornato a casa lo divorerà  in pochissimo tempo e trascinati dal desiderio di leggere  altri  testi di questo autore cercherà altre sue opere, senza ottenere risultati. Scoprirà infatti che quella è l’unica opera dell’autore, forse anche l’unica copia rimasta integra del libro, poiché la gran parte sono andate perdute in un incendio e l’autore stesso è  morto molto giovane. Daniel si ritroverà al centro di una storia che puzza di bruciato, per l’esattezza di libri bruciati, poiché proprio questa sarà la caratteristica principale di Lain Coubert, un uomo che cercherà Daniel per derubarlo della sua copia del libro allo scopo di distruggerla, per di cancellare le tracce dell’opera di Carax, coincidenza vuole che il nome di quest’uomo sia lo stesso con cui viene identificato il Diavolo nel libro custodito dal ragazzo.

 

Vivremo quindi l’adolescenza di questo giovane che affronta il suo compito con coraggio e indagherà sulla vita di Julian Carax,  sulla sua morte e sulla scomparsa delle copie del romanzo; ripercorreremo l’esistenza di questo autore con Daniel, che però non sarà solo, ma bensì sarà accompagnato da numerosi amici, uno tra tutti Fermìn Romero De Torres, mendicante  riscattato dalla strada tramite l’offerta di  lavoro come aiutante nella libreria Sempere, egli sarà un amico sincero, oltre che personaggio dalle molteplici personalità tutte accomunate da un indole romantica e passionale, ma col tempo scopriremo i trascorsi e le vicende che lo hanno condotto all’accattonaggio e all’incontro col protagonista. Altri episodi riguardanti il ragazzo, come i rapporti d’amicizia e primi amori, saranno la giusta cornice alla storia e rallenteranno il ritmo della narrazione lasciandoci un po’ di respiro, poiché avremo su di noi, durante la lettura una sensazione d’oppressione, vivremo ogni momento della storia camminando su un baratro tra la realtà e ciò che non lo è. Oltre a tutto questo l’atmosfera cupa e romantica con cui l’autore ci descrive Barcellona, che nel suo decadimento risulta straordinaria, sarà un ulteriore motivo a continuare la lettura, poiché le descrizioni dei luoghi in cui siamo proiettati ci faranno rimanere a bocca aperta, immedesimandoci pienamente nell’atmosfera e negli occhi del ragazzo.

Questo è il primo di una tetralogia di libri legata al Cimitero dei Libri Dimenticati, che non è ancora stata completata poiché manca il quarto ed ultimo libro; il romanzo è stato subito un successo che in poco tempo ha conquistato una grossa fetta di pubblico fedele alle opere di Zafòn, infatti sono usciti successivamente altri due capitoli rispettivamente ” Il gioco dell’angelo” e “Il prigioniero del cielo”, che hanno riscosso un notevole successo. Queste due successive opere non continuano direttamente la storia del primo capitolo, infatti vengono ripresi alcuni personaggi e alcune fila delle trame comparse nel primo libro, che vengono approfondite, andando a dare spessore all’opera e facendoci riflettere su fatti accaduti a cui prima avevamo dato poca importanza. Il romanzo di per sé è fenomenale, gli intrecci si susseguiranno in modo incalzante e la trama si andrà ad infittire sempre di più con l’avanzare della lettura, fino a mostrarsi nella sua totalità; tutto questo sarà narrato in modo impeccabile, avremo scene d’azione e di tensione che cederanno il passo a descrizioni dettagliate dell’ambiente e delle sensazione trascinandoci nel cuore di tenebra di questa fantastica Barcellona.

Se vi è piaciuto l’articolo lasciate un mi piace alla pagina VeryNerdPeople e condividete l’articolo! Buona domenica a tutti!

L’immagine di copertina è stata presa da : http://ombradelvento.forumcommunity.net/

Condividi su