L’amore ai tempi del colera

image_book

Non nego che sono sempre stato molto scettico per quanto riguarda i romanzi prettamente incentrati su storie d’amore o simili, anche se so che esistono classici intramontabili basati su questo tema ho sempre avuto una forma di pregiudizio perché almeno secondo me sono “facili” da scrivere, se si ha del talento ovviamente, e ancora più facili da vendere; quando prendo in mano un titolo del genere mi viene in mente Jack Nicholson in “Qualcosa è cambiato”, bel film da recuperare se non l’avete visto, in cui il protagonista era un  razzista, omofobo, misantropo che odia vecchiette e cani, maleducato fino al midollo e affetto da  un disturbo ossessivo compulsivo; quindi tutto fuorché un animo dolce e tenero, egli per l’appunto scriveva romanzi romantici commoventi e strappalacrime, inventandosi tutto di sana pianta solo per vendere e mantenersi, quindi con quest’immagine poso il testo e non gli dedico nemmeno uno sguardo.

Essendo cresciuto con questo stereotipo in testa per quanto riguarda un qualsiasi romanzo di quel genere o affine ad esso, cioè tutto fumo e roba sdolcinata messa lì per strappare la lacrima facile, è molto difficile che io mi metta a leggere testi del genere, ma col tempo ho scoperto alcuni romanzi che hanno stravolto questa mia idea, o che almeno ne hanno incrinato le fondamenta! Oggi infatti parlerò del libro ” L’amore ai tempi del colera”  di Gabriel José de la Concordia García Márquez, famoso per aver vinto un Nobel per la letteratura nel 1982, il libro è edito da Mondadori ed è stato scritto nel 1985.

La domanda dopo la mia premessa viene da sé, come mai questo romanzo è diverso? Per spiegarlo devo partire dalla trama che parla di Florentino Ariza, figlio illegittimo di una sarta e di un ricco dirigente della Compagnia Fluviale dei Caraibi, lui è un semplice impiegato con la passione per la poesia che un giorno s’innamora di Fermina Daza, figlia di un ricco proprietario di muli; questo amore  sarà ricambiato da subito tramite un rapporto epistolare, ma una volta che il legame verrà scoperto dal padre la giovane sarà costretta a scappare dalla città e lentamente si disinnamorerà di Florentino, arrivando a rinnegare il sentimento per lui e si sposerà con Juvenal Urbino, un medico nobile e facoltoso, la ragazza infatti fu costretta a sposare quest’uomo dal padre dispotico.

Scena tratta dal film “L’amore ai tempi del colera” del 2007.

Fermina non amerà da subito quest’uomo, solo il tempo e le vicissitudini che affronteranno insieme creeranno un sentimento d’affetto tra loro; nel mentre Florentino per raggiungere l’amore della sua vita, dopo un periodo di crisi, inizia una scalata all’interno della Compagnia Fluviale, arrivando a dirigerla vista la sua tenacia nell’affrontare il compito; in più durante la sua attesa avrà moltissime altre amanti che vedranno il lui un ottimo ascoltatore e amatore. L’amore impossibile di quest’uomo troverà un coronamento solo cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni notti comprese, dopo il loro primo incontro.

Si può essere innamorati di diverse persone per volta, e di tutte con lo stesso dolore, senza tradirne nessuna, il cuore ha più stanze di un bordello.

Si è capito che non è la solita  storia d’amore , visto che colui che il tormentato nell’attesa di venir ricambiato dall’amata sfoga la sua tristezza corteggiando moltissime altre donne e riuscendo nell’impresa di farle sue; forse per questo sono riuscito ad apprezzare di più il testo, poiché è una sorta di amore romantico presumibilmente senza fine che  non ne rispetta i canoni. Florentino infatti idealizza  Fermina e cerca sempre di attirare la sua attenzione, anche se lei fedele al marito mai lo degnerà di uno sguardo, ma lui decide di non lasciarsi struggere da questo sentimento sfruttandolo a suo vantaggio per amare moltissime altre donne, mantenendo però ogni relazione segreta al punto da far credere all’alta società di Cartagena di essere uno scapolo vergine, diventando il più insospettabile tra i Don Giovanni.

Un libro che  mi ha stupito e che mi ha lasciato nella memoria una storia magnifica che ancora adesso mi viene voglia di rileggere, il suo essere romantico senza essere melenso risulta il suo punto di forza e il personaggio di Florentino mi ha subito conquistato, con questa sua facciata timida ed introversa che nasconde un animo da amante passionale e  sensibile. Detto questo vi consiglio come al solito di recuperarlo e se vi è piaciuto l’articolo vi ricordo di condividerlo e di lasciare un mi piace alla pagina Very Nerd People! Buon week end.

Condividi su