Il fenomeno Black Rock Shooter!

Preparatevi ad essere travolti dal fenomeno Black Rock Shooter!

image

Oggi vi parlerò di un fenomeno mediatico che ha letteralmente invaso il giappone e che, a poco a poco, sta penetrando nel resto del mondo. Sono certo che molti di voi hanno sentito parlare del fenomeno Vocaloid, ma non ho intenzione di ammorbarvi parlando delle singole vocaloid o delle loro canzoni, non oggi almeno. Oggi vi parlerò di un prodotto di questo fenomeno che, seppur marginale, si è dimostrato essere, a mio avviso, molto bello e particolare.

Sanami suzuki, sfruttando questo fenomeno crescente, crea un manga che dimostra appieno quanto un personaggio possa dimostrarsi versatile. Il suo personaggio, infatti, dimostra fin da subito di avere carisma ed è per questo in grado di coinvolgere il lettore in modo indipendente dall’ambientazione o dalla storia.

Con questo non è mia intenzione mettere in secondo piano la trama o l’ambientazione, io stesso credo che un buon manga e in generale un buon fumetto nasca dalla fusione di determinati personaggi con la trama e un’adeguata ambientazione, senza che nessuna delle tre vinca sulle altre.
Il manga, che per l’appunto prende il nome dalla protagonista, è Black Rock Shooter.

image

La vocaloid abbandona i suoi atteggiamenti da idol giapponese e viene catapultata in due mondi molto diversi. In innocent Soul, la protagonista assume il ruolo di guardiana di questo ‘mondo di mezzo’ in cui le anime restano intrappolate perché non riescono ad abbandonare la propria vita. E in questo mondo la nostra taciturna eroina si ritroverà a vivere storie anche molto tragiche, che la aiuteranno a scoprire se stessa e a trovare il suo reale posto e il suo reale scopo. In questa storia è affascinante il messaggio che Sanami ci ha voluto lasciare: pensate con le vostre teste; ed è proprio questo che la nostra Rock imparerà a fare.

Il secondo mondo in cui Rock viene catapultata da Sanami è una Terra post-apocalittica, con comunque delle assonanze con la storia e il mondo che l’ha preceduta. In primo luogo, l’aspetto taciturno e quasi ‘misterioso’ della protagonista che anche in questo caso cerca se stessa; in secondo luogo l’ambientazione tragica che circonda la nostra Rock. In questo mondo Sanami ci dona un messaggio diverso, ovvero di combattere le diversità che circondano il nostro mondo, messaggio sapientemenete mascherato con una lotta tra terresti ed alieni.

image

In entrambi i racconti le abilità grafiche di Huke aiutano notevolmente il lettore ad entrare in queste storie e soprattutto completano e supportano il clima tragico che circonda le avventure della nostra rock, in più riesce a trasformare l’uso del bianco e nero in un pregio del manga, cose che per esempio Assasination Classroom non è riuscito a fare.

Huke rende Black rock shooter un’opera splendida anche solo da vedere, cosa che non tutti riescono a fare, rendendo il disegno un semplice accompagnamento della trama. La nostra carismatica protagonista viene catapultata in mondi graficamente belli da vedere e in storie molto profonde e non semplici storielle con i soliti cliché. Quindi nonostante si dimostri un’opera breve, può essere annoverata tra le migliori creazioni del panorama nipponico.

Condividi su