Fullmetal Alchemist, La sacra stella di Milos

FullmetalAlchemistmovie23

FullMetal Alchemist La sacra stella di Milos è il secondo e ultimo film uscito sulla celeberrima serie di Hiromu Harakawa. Uscito in Giappone nel 2011 e in Italia l’anno seguente (distribuito dall’onnipresente Dynit), la trama si colloca temporalmente dopo che Al recupera i ricordi sulla Verità.

Il film inizia con un prologo, in cui vediamo una coppia di alchimisti, genitori di un bambino ed una bambina, che fuggono dalla loro città a causa del conflitto militare in corso. Passano alcuni anni e vediamo come la famiglia Crichton, venga trucidata da un’oscura figura, ad eccezione della figlia minore, che sviene alla vista del massacro.

Terminato il prologo assistiamo all’evasione di un pericoloso alchimista (che molto somiglia ad il bambino ucciso nel prologo), che non sfugge all’attenzione dei fratelli Elric, che si gettano subito all’inseguimento. L’evaso però è un osso duro e riesce grazie alla sua alchimia del ghiaccio e del fulmine a darsela a gambe levate, eludendo i fratelli e tutti i militari. Il colonnello Mustang grazie riesce a capire da un ritaglio di giornale l’obiettivo del fuggitivo: una giovane ragazza(cioè la bambina dei Crichton) che è stata arrestata a Table City, città di Amestris al confine con lo stato di Creta. Il colonnello manda quindi i Fratelli d’Acciaio all’inseguimento…

Il film riprende molti dei temi già trattati nel manga, quali libertà, guerra, povertà, discriminazione. Riesce anche in un’impresa non facile: farli coesistere all’interno della trama senza togliere niente alla caratterizzazione dei personaggi, che a parte gli Elric e Mustang, sono tutti inediti. Certo, prevalentemente l’attenzione degli scrittori era sulla nuova coppia di fratelli, che vengono profondamente sviluppati, ma anche ai personaggi più secondari viene lasciata una piccola fetta, che sia prima o dopo.

Come avrete ben capito, il film è consigliatissimo, vi lascio alla visione, e ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su