Forse qualcosa non funziona nel mio cervello ?

64

Non riesci a stare concentrato per tanto tempo? Secondo un recente rapporto pubblicato dalla Microsoft dal 2000 al 2013 la soglia di attenzione è scesa da 12 a 8 secondi. Quindi tranquilli perché di media le persone hanno una concentrazione minore di quella di un pesce rosso. Sarà anche normale o comune ma per molti è inaccettabile. Una preoccupazione comune è che una delle principali distrazioni sia la tecnologia: stai leggendo, ma senti un sottofondo di un programma comico tra i più stupidi, benché non ti interessi, leggi la stessa frase almeno quattro volte perché non rimani concentrata. Quando studiate quante volte vi capita inconsapevolmente di sbloccare il telefono solo per vedere se qualcuno vi ha scritto o vi ha cercato? Dobbiamo riuscire a evadere con solo le nostre forze da questo castello pieno di smart-phone, selfie, e programmi tv demenziali perché è la nostra prigione più grande, la quale ci preclude di vivere in modo più profondo.

La tua memoria registra solo quello che vuole? In media un cervello riesce a tenere a mente quattro cose alla volta per trenta secondi al massimo. I ricordi sensoriali diretti durano solo pochi istanti. Immaginate il cervello come un grande baule dove contenere i ricordi, non può entrarci tutto quindi inconsapevolmente scartiamo gran parte dei dati sensoriali che riceviamo. Il neurobiologo McGaugh afferma: ” Domani ricorderemo abbastanza bene una conversazione che abbiamo avuto oggi, nel giro di una settimana quelle informazioni andranno perse.” Sicuramente la conversazione rimarrebbe più impressa nella memoria se all’interno fosse presente una dichiarazione d’amore o un insulto, infatti ricordiamo in modo selettivo e chiaro i fatti che ci colpiscono a livello emotivo. La memoria a lungo termine può essere semantica, se registra concetti, come l’idea di un tavolo, mentre è episodica quando registra esperienze personali.                                                                                                                                                                       Conosco una persona che spesso si dimentica alcuni eventi o alcuni momenti del suo passato, ma questo non significa che il suo cervello le abbia scartate, infatti è rimasto il ricordo di quello che ha provato. Proprio grazie alle emozioni riesce a ricordare anche quello che è successo, magari anche con tutti i particolari; quando qualcuno, però, glielo chiede la sua memoria non risponde,mentre quando è a farsi una doccia, quando sta camminando, quando è un po’ tra le nuvole oppure quando sta per addormentarsi i ricordi riappaiono, come per magia.                                   La memoria è strana ma soprattutto è diversa da persona a persona dipende dai nostri interessi e dalla nostra sensibilità. Tiziano Terzani parla così a proposito della memoria: “La memoria ci fa strani scherzi mettendo da parte ciò che vuole e tirandolo fuori magari distorto e manipolato quando andiamo a frugare tra i suoi recessi. I vecchi si arrabbiano, a volte si disperano, quando non ricordano il nome di una persona o la parola giusta per un oggetto e prendono questo come un segno del loro decadere, un segno di qualcosa che forse non va più. Ma ,a pensarci bene, è sempre così fin da piccoli.”

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su