Fantomius, ladro gentiluomo in becco e piume!

Parlando di fumetti Disney, bene o male tutti sanno chi è Paperinik. L’alter ego supereroe di Paperino, il vendicatore mascherato di Paperopoli, è apparso per la prima volta sulle pagine del settimanale “Topolino” nel 1969, nella storia “Paperinik e il diabolico vendicatore” di Elisa Penna, Guido Martina e Giovan Battista Carpi. Molti lettori infatti chiedevano il riscatto di Paperino che subiva continue angherie da parte di Zio Paperone. E il riscatto arrivò con il ritrovamento a Villa Rosa del diario di Fantomius, ladro gentiluomo vissuto a Paperopoli negli anni ’20. Ma chi era Fantomius? Nella storia del ’69 il suo nome è appena accennato, ma in tempi recenti  l’autore Marco Gervasio ha riesumato il personaggio rielaborandolo e dandogli un background storico e psicologico, inizialmente attraverso brevi flashback nelle storie con protagonista Paperinik, e poi con una serie a lui dedicata. La sua prima apparizione avviene su Topolino 2675 del 6 marzo 2007, nell’avventura “Paperinik e il tesoro di Dolly Paprika”.

Scopriamo dunque che dietro la maschera di Fantomius si cela Lord John Lamont Quackett, nobile paperopolese degli anni 20, piuttosto imbranato e per questo preso in giro dagli altri aristocratici, verso cui appunto si vendica escogitando furti e imbrogli ai loro danni. I suoi scopi non sono tuttavia solo personali, poiché spesso è mosso da sentimenti filantropici. La sua base è Villa Rosa, dove vive con la fidanzata Dolly Duck, in arte Dolly Paprika, una ricca papera che ha deciso di seguire Fantomius nelle sue imprese perché stanca degli aristocratici e dei suoi modi snob.

Gli strampalati gadget che permettono a Fantomius di intrufolarsi nelle dimore delle sue vittime e di sfuggire sempre al commissaio Pinko, che gli da costantemente la caccia, gli sono forniti da Copernico Pitagorico, geniale inventore nonché bisnonno di Archimede Pitagorico.

Iniziata come una serie di racconti autoconclusivi, recentemente ha iniziato a sviluppare una trama più complessa, in cui non mancano suspense e colpi di scena, nonché nuovi personaggi che cercheranno di ostacolare il nostro protagonista. La biografia del personaggio non è svelata in ordine cronologico, ma i dati per ricostruirla sono forniti in modo sparso dalle varie vicende.

La particolarità di questa serie sta nell’ambientazione e nello stile: entrambi sono pienamente caratterizzati dall’atmosfera degli inizi del ‘900. Così, Lord Quackett si trova pienamente inserito nel contesto storico, ad esempio partecipando alla prima guerra mondiale, e anche il disegno riflette uno stile liberty, dalle forme, ai colori, alla grafica dei titoli.

Riporto le parole dell’autore a riguardo, presenti nell’intervista sul primo volume della collana: “In questa serie puntiamo a lente d’ingrandimento sull’aristocrazia di quegli anni, sull’ipocrita superficialità di alcuni ricconi che passano le giornate nei Circoli riservati e le serate alle feste mondane. Lord Quackett fa parte di tale aristocrazia per dovere di nascita, ma allo stesso tempo ne rifugge. E può farlo grazie a Fantomius: il ladro libera il gentiluomo dalla prigione impostagli dalla sua etichetta. Fantomius è l’emancipazione di Lord Quackett, la sua rivalsa sulla società che disprezza.”

Tutte le storie di Fantomius appaiono serializzate su Topolino, solitamente in blocchi di quattro, e la serie è tutt’ora in corso. Recentemente Panini Comics ha pubblicato la Definitive Collection, ovvero la raccolta completa in volumi di tutta la serie. Ogni volume contiene quattro storie correlate da interviste all’autore e bozzetti preparatori. Fino ad ora sono usciti tre volumi, reperibili sia in edicola che in fumetteria.

Spero di avervi incuriosito e di avervi fatto conoscere un  nuovo personaggio Disney spassoso ed intrigante, le cui avventure vi divertiranno ed appassioneranno!

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati!

Koda

Sono una super appassionata (ed esperta) di animazione, amo la filosofia dei cartoni animati, dagli anime ai cartoon americani fino ad arrivare alla mia adorata Disney, per me uno stile di vita. Accanita divoratrice di fumetti e libri classici.

Condividi su