Fangirl – Un’autrice di fanfiction al college!

Cath è una ragazza di 18 anni pronta ad affrontare il primo anno di College, in un campus lontano da casa e condividendo la stanza con un’estranea più grande di lei e troppo esuberante per i suoi gusti. In realtà Cath avrebbe anche una sorella gemella, Wren, con cui era sicura avrebbe vissuto questa avventura e che invece si cerca una stanza diversa con una coinquilina con cui lega subito e la abbandona per cercare una sua indipendenza.

Ma Cath ha anche una grande passione che fa profondamente parte della sua vita: la saga fantasy di “Simon Snow” (una sorta di Harry Potter, con maghi e scuole di magia) di cui conosce ogni virgola, possiede ogni tipo di gadget, poster e cartonati a grandezza naturale, e ci scrive pure fanfiction. E non lo fa solo per divertirsi ogni tanto, col tempo ha conquistato sempre più pubblico, posta regolarmente sul sito nuovi capitoli, ha un sacco di fan, esistono pure gadget sulla sua fanfiction più famosa “Carry On”, che in molti considerano un romanzo parallelo alla serie originale. Cath è insomma una fangirl a tutti gli effetti, un personaggio singolare da trovare in un romanzo, che deve affrontare i tipici problemi di una ragazza della sua età.

Uno di questi problemi si chiama Levi: alto, biondo ed eccessivamente espansivo, il migliore amico ed ex ragazzo di Reagan, la sua compagna di stanza, di cui inizialmente diffida ma che piano piano riuscirà a conquistarla con la sua dolcezza. Insomma, una classica storia d’amore con inevitabile lieto fine.

E poi il problema più grande è un altro e si chiama Laura: la madre insoddisfatta della sua vita e che madre non aveva mai voluto essere, che ha abbandonato le gemelle quando avevano solo otto anni, lasciandole al padre che per quanto si sforzi non riesce a prendersi cura di loro: è un creativo, vive nel suo mondo e va avanti a tacos e pranzi precotti, non riesce a trovare un suo equilibrio e gli capita di avere crisi. Tocca alle figlie, in particolare a Cath, stargli dietro e controllare che viva una vita regolare. Inutile dire che quando entrambe lo lasciano per andare al college ha tremende ricadute che fanno preoccupare le figlie e che quasi spingono Cath a voler lasciare l’università per occuparsi di lui.

E poi ci sono le feste, i nuovi amici, il corso di scrittura creativa, Nick il ragazzo della bibloteca, gli eccessi e le ubriacature di Wren che non si fa sentire per settimane, e Simon e Baz. I protagonisti dei libri e delle fanfiction, sempre presenti perchè una parte essenziale della vita di Cath. Quando è insoddisfatta della realtà, le basta iniziare a scrivere una nuova storia per tornare a vivere in quel mondo incantato: se anche la serie ufficiale di libri avrà una fine, di fanfiction ce ne saranno sempre migliaia e ci sarà sempre il modo di tornare a vivere quei luoghi di fantasia.

Come avrete capito dalla trama e dai temi, non sono certo qui a presentarvi il prossimo capolavoro della narrativa mondiale, ma un romanzo semplice, uno young adult (diretto quindi a ragazzi) per certi versi non originalissimo e non privo di difetti, ma comunque piacevole da leggere. Penso ad esempio alla storia d’amore molto classica o alla situazione familiare della protagonista, che sinceramente ho trovato un po’ forzata: per quanto mi riguarda una ragazza nerd che deve affrontare college, nuovi amori e il distaccamento dalla sorella gemella mi sembravano già elementi sufficienti per fare andare avanti la storia, senza aggiungere traumi familiari per giustificare, senza bisogno, il carattere introverso di Cath.

Molto carina è anche la struttura del libro, che contiene spezzoni del libro di Simon Snow e della fanfiction di Cath, interessanti per capire il mondo che appassiona la protagonista ma che ammetto a lungo andare aver trovato un po’ noiosi e soprattutto rallentavano l’azione, tanto che mi sono ritrovata spesso a saltarli per procedere con la storia di Cath piuttosto che con quella di Simon e Baz. Comunque il mio giudizio è positivo, il libro è carino e credo molto apprezzabile dagli adolescenti.

Ho avuto il piacere di incontrare l’autrice, Rainbow Rowell, quando a marzo ha fatto un tour nelle librerie in occasione dell’uscita in Italia di “Carry On”, che è proprio la fanfiction che Cath scrive in Fangirl! Non credo di essere interessata a un libro del genere, ma lei mi è parsa molto simpatica e carina, questo suo primo romanzo che ho letto mi è piaciuto e credo che ne recupererò altri suoi, soprattutto perchè ne ho sentito parlare molto bene su internet. Fangirl, come tutti i romanzi della Rowell tradotti in Italia, è edito da PIEMME.

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e seguiteci su facebook per rimanere sempre aggiornati!

Condividi su
Koda

Sono una super appassionata (ed esperta) di animazione, amo la filosofia dei cartoni animati, dagli anime ai cartoon americani fino ad arrivare alla mia adorata Disney, per me uno stile di vita. Accanita divoratrice di fumetti e libri classici.