EUCYS 2015, ecco alcuni dei progetti più interessanti

logoeucys2015

Cari lettori di Very Nerd People, come accennato la scorsa settimana nel nostro articolo sull’European Contest for Young Scientists 2015 (abbreviato EUCYS 2015), oggi vi parleremo di alcuni fra i progetti più interessanti curati dai nostri coetanei di tutto il mondo.
Prossimamente speriamo di riuscire a metterci in contatto con i protagonisti italiani dell’evento e di lasciare che siano loro a spiegare i loro progetti a voi lettori.

 

BIO-ENERGIA DAI RIFIUTI ORGANICI – EGITTO

Sono due giovani ragazze egiziane ad aver progettato una “pila a combustibile microbiologica” alimentata dai residui organici di frutta e verdura in decomposizione. Le giovani Alaa Aboushanab e Mennaallah Ahmed hanno infatti mischiato a mele, patate e cipolle in decomposizione dei batteri capaci di innescare la fermentazione dei rifiuti anche in condizioni anaerobiche (ovvero in assenza di ossigeno). Queste pile del tutto ecologiche collegate insieme sono capaci di alimentare una lampadina LED e di accendere perfino il motore di un’automobile di piccole dimensioni.

GYROMOUSE – UNGHERIA

Arriva dall’Ungheria invece l’applicazione per smartphone che ci consente di controllare a distanza il nostro computer; le funzioni basilari dell’applicazione per ora si limitano a quelle di un mouse a distanza (cliccare, scorrere lungo le pagine ecc..) e consentono all’utente di gestire i player multimediali del suo pc comodamente seduto sul suo letto, ma i giovani ideatori del progetto, Bence Tóth e Dániel Ádám Kecskés affermano di voler sviluppare l’applicazione in modo che l’utente stesso possa modificarla a proprio piacimento per consentirgli di manovrare a distanza il computer senza alcun limite.

CONTROLLARE UNO SCIAME DI ROBOT CON LA VISTA USANDO L’ELETTROENCELOGRAFIA – SVIZZERA

Viene dalla Svizzera Luca Matteo Mondada, il giovanissimo che è riuscito a dimostrare la capacità degli esseri umani di controllare dei robot a distanza grazie alle proprie onde cerebrali (EEG). Il cervello umano infatti genera una particolare risposta neurale dopo che si è focalizzata la vista su un oggetto che emette un lampeggiamento.
Fornendo i robot di sequenze di lampeggiamenti con diversa frequenza e una volta focalizzato lo sguardo su uno di essi, il robot interessato si azionerà grazie all’analisi EEG.
Questa scoperta può avere risvolti interessanti e apre sicuramente il campo a nuove applicazioni della robotica controllata dalle onde cerebrali.

Non so voi, ma io trovo che ogni progetto sia di grande ispirazione, e sono anche un po’ invidiosa che dei ragazzi così giovani siano in grado di sviluppare idee così geniali!
Il messaggio che Very Nerd People vuole trasmettere ai suoi lettori – ancor rima di spiegare loro come funzioni una pila di rifiuti organici – è di non arrendersi mai davanti alle proprie passioni, ma di coltivarle e di credere nel proprio potenziale proprio come hanno fatto tutti i giovani che sono riusciti a presentare i loro progetti all’EUCYS.
Nel 2015 non è più possibile concepire la vita senza il progresso e la tecnologia, per questo il mio invito è quello di continuare a informarci, di leggere libri che ci spieghino concetti complessi con parole semplici, e soprattutto di farci contagiare dalla passione dei nostri coetanei scienziati.
Per quanto molti credano di essere più portati per la cosiddette “materie umanistiche” e tanti appassionati di scienza si ritengano del tutto estranei acose come  letteratura e filosofia, credo che ormai i due campi non possano più essere ritenuti mondi paralleli ma che anzi ognuno debba essere incoraggiato a colmare le proprie lacune in tutte le aree del sapere.
A questo proposito segnalo un libro molto interessante che può avvicinarci alla fisica “che più ci interessa” in termini semplici e chiari: Fisica per i presidenti del futuro di Richard Muller.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e non dimenticare di seguirci anche su face book per rimanere sempre aggiornato!

Dafù

Aspirante viaggiatrice dalle molteplici passioni, lavoro sognando il giorno in cui potrò tornare a Kyoto. Tra un libro e l’altro mi concedo di ascoltare un po’ di radio e di scrivere tanka sorseggiando tè verde.

Condividi su