Dragon Ball Z: La resurrezione di F

drag

A pochi giorni dall’uscita nelle sale italiane, eccovi l’articolo sul nuovo film di Dragon Ball Z, intitolato “La resurrezione di F”. Certo, l’aggettivo “nuovo” non calza proprio a pennello, essendo uscito in Giappone lo scorso aprile, invece qui da noi avremo l’occasione di vederlo doppiato dal 12 al 14 Settembre.

Beh, Dragon Ball non è mai stato rinomato per una trama profonda o complicata, e non si smentisce neanche questa volta. Come facilmente si intuisce, la trama si sviluppa intorno alla rinascita di Freezer e il suo desiderio di vendetta contro i Saiyan. Ciò che può attirare maggiormente è lo stretto collegamento con il precedente lungometraggio (La battaglia degli Dei), e soprattutto il diretto coinvolgimento dell’autore stesso, Akira Toriyama, nello sviluppo del film.

Nonostante la supervisione del maestro Toriyama, l’opera non è esente da scelte nella sceneggiatura poco ponderate: la noiosa battaglia precedente all’arrivo di Goku e Vegeta, in soccorso degli altri protagonisti, oltre ad essere del tutto inutile ai fini della trama, non regala scontri memorabili o coinvolgenti. Neanche l’unico scagnozzo che potrebbe risultare una minaccia per i nostri eroi, riesce a regalarci 10 secondi di tensione, venendo steso con un mero pugno.

Ovviamente il lungometraggio e l’attenzione dello spettatore, si concentrano nella seconda metà della pellicola, quando finalmente Goku incrocia lo sguardo del furente Freezer. Dopo un breve riscaldamento in cui viene mostrata la netta superiorità della scimmia aliena, arriva il vero scontro all’ultimo sangue: bello, dinamico, e ben girato.

Piccola curiosità: il roster dei protagonisti si avvale di una nuova recluta, Jaco, protagonista del manga Jaco the galactic patrolman (edito anche in Itaia), creato da Toriyama. La sua storia funge da prequel per gli eventi di Dragon Ball.

Anche per oggi è tutto, vi lascio alla visione, e ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su