Dirk Gently, agenzia investigativa olistica

cover

Buona Domenica a tutti, oggi parliamo di ” Dirk Gently, agenzia investigativa olistica” libro di Douglas Adams, edito da Mondadori e finito di stampare nel 2013 in Italia. Dell’autore già ne avevo parlato durante l’articolo sulla “Guida galattica per autostoppisti”, sempre edito da Mondadori, se volete recuperare l’articolo ecco il link alla                       recensione  http://www.verynerdpeople.it/guida-galattica-per-gli-autostoppisti/ ; oggi, invece, parliamo di un altra storia di questo autore che è passata ingiustamente in sordina rispetto alle sue precedenti opere.

La trama parla di Richard MacDuff, un programmatore, che per una serie di motivi si ritrova invischiato insieme a Dirk Gently, un suo ex compagno d’università,  nel tentativo di salvare il Mondo. Dirk ha infatti abbandonato gli studi,senza conseguire la laurea, per dedicarsi all’attività d’investigatore olistico creando il suo personalissimo metodo d’investigazione basato sulla teoria della Scienza Olistica, un approccio filosofico per lo studio dei sistemi complessi ed in questo caso alla vita stessa.

Per semplificare la cosa in modo banale e grezzo vi farò un esempio: tutto si basa su una naturale interconnessione tra le cose  per cui se stamattina stavate scivolando su un oggetto che non doveva essere a terra, beh c’è una spiegazione logica, probabilmente avrete, anni fa, riciclato una bottiglia di plastica che è stata riutilizzata per creare il macchinario che, a sua volta, ha creato l’oggetto che vi siete trovati in mezzo ai piedi al mattino presto, oppure siete solo molto disordinati.  Detto questo spero che il piccolo esempio riesca a rendere più facile ciò che andrete a leggere; poiché Richard, accusato dell’omicidio del suo capo, dovrà scontrarsi con tutta una serie d’eventi fuori dalla sua normale routine e sopratutto dovrà riuscire a discolparsi dalle infamanti accuse, grazie all’aiuto di Dirk, tutto questo senza considerare che l’investigatore non è avvezzo a storie del genere occupandosi, solitamente, di gatti scomparsi e divorzi complicati.

Insieme a tutto questo  si aggiunge un Monaco Elettrico, sperduto in un altra dimensione, un cavallo comparso in un bagno, cosa alquanto curiosa perché non esistono entrate abbastanza grandi da far entrare il cavallo nel bagno, e numerosi altri elementi che creeranno un marasma d’episodi alquanto divertenti, ma che renderanno tutta la narrazione molto frammentaria all’inizio, solo in seguito questi episodi saranno giustificati e vedremo l’intero quadro nella sua completezza.

Un ottimo libro che consiglio a chiunque abbia amato “La Guida” ed il suo particolare stile, che può non piacere a tutti, dato il particolare tipo di humor inglese che lo caratterizza, infatti è da mettere in conto, leggendo un libro di Adams, la presenza d’episodi ai limiti dell’assurdo, che hanno valso l’immediato accostamento dei suoi scritti alle opere dei Monty Python, giusto per darvi qualche riferimento più prima d’avventurarvi in questa lettura.

Detto questo vi ricordo di lasciare un mi piace alla pagina Very Nerd People e all’articolo se vi è piaciuto! Buon weekend a tutti.

Condividi su