Clash Royale – Il mio deck di fiducia

Ciao a tutti sono Simone, un novo articolista. Come argomento del mio esordio ho scelto uno dei giochi per smartphone più popolari del momento: Clash Royale, lanciato dalla Supercell all’inizio del 2016.
Vorrei parlarvi, non tanto del gioco che ormai chiunque conosce, quanto del deck che mi ha permesso di scalare le arene centrali; partendo dall’arena 5 fino alla 8 in cui mi trovo ora.

◊Deck:

Clash Royale deck

-Domatore di cinghiali (costo 4): ovviamente la principale carta offensiva del nostro deck. Il suo focus è incentrato sugli edifici, inoltre ha una buona dose di punti ferita ed è capace di infliggere ingenti danni.

-Mini Pekka (costo 4): unità molto versatile. Estremamente efficace sia in attacco che in difesa, vista la quantità enorme di danno che infligge con un solo attacco. Purtroppo è abbastanza lento ad attaccare, pertanto in difesa è meglio giocarlo contro singole unità (come gigante, valchiria, maghi,…).

-Torre inferno (costo 5): che dire, difesa essenziale per abbattere truppe con infinità di punti ferita come il gigante, il golem o il pekka; ma più di tutti il Mastino lavico (particolarmente noioso visto che vola).

-Barile goblin (costo 3): carta molto insidiosa il Barile, utile sia in attacco che in difesa. Basta pensare che può essere lanciata ovunque in campo, quindi perché non proprio su una torre dell’avversario? Così facendo sarà obbligato a spendere elisir per fermarli, oppure si prenderà dei considerevoli danni.

-Palla di fuoco (costo 4): questa carta sparo, al modico costo di 4 elisir risolverà ogni vostro problema (o quasi). E lo farà in modo spettacolare!! Edifici? Barbari? Valchirie? Mini Pekka? Maghi? Moschettieri? Altre unità insulse con pochi punti ferita? BOOM!!

-Orda di scheletri (costo 3): a meno che non vi siano unità nemiche che fanno danno ad area, Larry, Harry, Gerry, Terry, Mary e tutti gli altri membri della combriccola sono una valida alternativa alla torre inferno. Purtroppo non attaccano le unità volanti, ma è anche vero che costano 2 elisir in meno rispetto alla torre.

-Spiriti del fuoco (costo 2): indubbiamente la carta più versatile di questo deck. Questi spiritelli coccolosi forniscono un ottimo supporto sia in fase offensiva (distruggendo/indebolendo chiunque si pari tra il nostro attacco e la torre avversaria), sia in fase difensiva (bastano infatti loro a distruggere un’orda di sgherri, rendere inermi dei barbari, annullare l’attacco di Scintilla o ancora fermare una mongolfiera).

-Scarica (costo 2): anche se debole sia in danni che in durata di stun la Scarica ci permette di bloccare per un istante la tattica dell’avversario, inoltre ci permette di negare qualsiasi supporto o attacco da parte di unità con punti ferita bassi; sgherri compresi (non muoiono certo ma poi basterà un semplice attacco della torre per annientarli).

◊Strategia:

Mi sembra inutile dire che le possibili combo tra queste carte sono molteplici, dunque mi limiterò ad illustrarvi le 3 strategie basilari di attacco che, secondo me, sono anche le più efficaci:
-Domatore di cinghiali+Spiriti del fuoco: piazzate il Domatore e subito dietro gli spiritelli, in modo tale che il primo assorba i danni durante la corsa e che questi ultimi possano coprirlo in caso l’avversario giochi sgherri, scheletri, goblin e quant’altro. Se nessuno si opporrà alla corsa del Domatore gli Spiritelli andranno a suicidarsi contro la torre infliggendole comunque gravi danni. Questa combo va bene anche sostituendo il Domatore col Mini Pekka.
-Mini Pekka+Orda di scheletri: generalmente questa combinazione si crea in una situazione di contrattacco. A seconda della carta schierata a difesa basta schierare l’altra davanti o dietro alla prima, facendo in modo che il Mini Pekka sia sempre coperto dall’Orda, libero di danneggare senza essere danneggiato.
-Mini Pekka+Barile Goblin: fate partire alla carica il Mini Pekka e contemporaneamente lanciate i goblin sulla torre. I goblin potranno attaccare la torre mentre il Mini Pekka farà da tank e una volta arrivato alla torre la finirà con un paio di colpi. Per rendere questa combo più efficace potreste schierare prima del Mini pekka, sul lato opposto, il Domatore. In questo modo l’avversario schiererà le sue difese contro il domatore e non avrà abbastanza elisir per respingere sia i goblin che il Mini Pekka.

Spero che vi piaccia il mazzo che vi ho proposto, provatelo e adattatelo al vostro stile di gioco! Se vi trovate bene vi invito a condividerlo e vi ricordo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati!
Alla prossima!

Condividi su