Battaglie Impossibili: L vs Near&Mello

DEATH.NOTE.full.1638446

La trama di Death Note ci ha mostrato la battaglia fra il pluriomicida Kira e il geniale detective L, succeduto dai giovani Near e Mello. La maggior parte dei lettori del manga divide l’opera in due differenti fasi, banalmente “fase 1” e “fase 2”, separate dal colpo di scena più forte e straziante di tutto il racconto: la morte di L. La questione più controversa però è: chi ha dato più filo da torcere a Kira? Prendendoli singolarmente è indubbio che Mello venga subito tirato fuori, quindi aggreghiamolo al suo rivale Near, e analizziamo chi è stato la grana peggiore per Light.

  • Prima mossa da menzionare è stato l’annuncio trasmesso in televisione da Lind L. Taylor, ad opera di L, che istantaneamente sradicato ogni spavalderia fino a quel punto mostrata dal Boia senz’ascia. Light capisce così che L non è un avversario da sottovalutare, e che un solo errore può costargli la pena capitale.
  • La prima mossa degli avversari proviene dalla mente di Mello, che induce Soichiro a scambiare il Quaderno per sua figlia, e per non far scoprire dove si trova, se lo spedisce a casa con un missile non rintracciabile, sottraendo così il prezioso strumento dalle mani di Light.
  • Azione semplice, rischiosa ma efficace. L si espone rivelando il suo volto al sospettato, questo gli permette di avvicinarsi e studiare meglio il possibile assassino, mettendo Light in uno stato confusionario come mai avevamo visto prima.
  • Light crede di potersi liberare di Near, facendo assaltare il suo QG da Demegawa e i suoi seguaci, ma il bambino sventa il suo piano spargendo per le strade l’itera eredità di L, e sfrutta la confusione per dileguarsi fra la folla. Creduto ormai in pugno, il pensiero di Near ancora in giro è frustrante come non mai.
  • L’ultimo trucco di L, possiamo definirlo un trucco “intrinseco”, che non viene né spiegato, né serve a rivelare alcuni segreti nascosti di Light, ma fa molto di più: la Wammy’s Hause, l’orfanotrofio dove vengono presi i bambini più dotati per istruirli e renderli un giorno i successori di L.
  • Infine, il quaderno falso costruito per ordine di Near, che è diventato di fatto la prova della colpevolezza di Light e della sua doppia identità come Dio di un nuovo mondo.

Riassumendo grandemente, questi sono stati i momenti più duri per Kira, e la sfida fra le due parti è ardua. Ovviamente non siamo dei giudici, ma secondo la nostra modesta opinione la sfida viene vinta da L, che sebbene venga ucciso, si è rivelato da solo una “rottura” ben maggiore dei suoi successori, in quanto riescono ad avere la meglio su Light grazie a casi fortuiti ed errori imprevisti, che non sono frutto del loro acume.

E voi che opinione avete?

Anche per oggi è tutto, ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

 

 

Condividi su