View Post

Phantom Thread – recensione e DVD

Se si pone all’attenzione del pubblico un film sulla moda, l’immaginario sterza bruscamente su una diabolica Meryl Streep. O, per i più disneyani, sulla stregonesca Crudelia De Mon. Phantom Thread (Il filo nascosto), al contrario, ammara su un tessuto narrativo più drammatico e meno versato alla commedia, con un crescendo vellutato e grottesco sul finale, drogato di una suspense – …

View Post

Storia di un fantasma – recensione e DVD

Se vivessimo in tempi non sospetti si potrebbe esordire dicendo che A Ghost Story strizza l’occhio al cinema muto. Non sospetti perchè, da Ortolani in poi, tra Marvel, Stan Lee e J.J. Abrams, strizzare l’occhio è divenuto una fabbrica del ridicolo. Niente contro il ridicolo, vade retro. Per il film diretto da David Lowery, però, è necessaria un’espressione diversa, più …

View Post

Gli uccelli/The Birds: le novità del Blu-ray del film di Hitchcock

È complicato parlare senza soggezione di un mostro sacro come Alfred Hitchcock. La fronte suda e le mani si tormentano sopra la tastiera. È inevitabile. E, dato che nello specifico ci si accinge a parlare de Gli uccelli, il prossimo passo dovrebbe essere l’infarto. Se pertanto questa recensione – o meglio, questo umile articolo – non giungesse a conclusione, be’, …

View Post

Il giustiziere della notte: da Bronson a Willis

Tra l’originale Il giustiziere della notte (Death Wish) del 1974 e il remake con Bruce Willis di recente debutto ci corrono decenni, quattro sequel e una buona dose di mutamenti socio-culturali. Premesso che qui non si vuole condurre nessuna analisi di questo tipo, una recensione combinata sembra impellente per mettere a confronto temi simili in tempi diversi. Da un lato …

View Post

Loving Vincent, gioiello di animazione, arti e sogni

Quando si parla di storie di artisti si parla spesso di conflitto tra fama e povertà. Per tutti i protégée signorili dal Rinascimento in avanti c’è una controparte in penombra. Un Baudelaire, un Foscolo; uno di quelli che ha tirato (poco) a campare con l’arte. Eppure, morale della favola, è divenuto immortale. Tra questi, la figura forse più nota è …

View Post

Blade Runner 2049: prezioso e non prolisso

Spesso e volentieri, anche troppo spesso e troppo volentieri, i tabloid sprizzano enfasi da ogni titolo. Creano un firmamento di etichette e cliché, spesso poco critici e meramente spettacolari, che costituiscono un minestrone di elogi melensi. “Imperdibile”, “visivamente spettacolare”, “[inserire nome regista] ha superato se stesso” e via dicendo. Blade Runner 2049 corrisponde a ciascuno degli epiteti che rintracciabili in …

View Post

The Circle – insufficienza e superficialità (recensione)

Tra un Tom Hanks brizzolato e arzillo ed Emma Watson messia dell’era interconnessa, The Circle non fa centro. Si disperde nel troppo ordine, nella cupezza della distopia sventolata, nel dar lustro al divismo. Dietro, malandato e abusato, il sottobosco di potenziale ed estetica che sgomita per affiorare, per fare del cinema – che però non si palesa. Quello di James …

View Post

Recensione – Pirati dei Carabi n° 5. Con sorpresa.

Pur non essendo un film spiritoso, anche se ci prova, istiga immediatamente a fare dello spirito. Questo, dettagli a parte, è il motivo principale per cui Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar è un film mediocre, patinato, quasi banale. Volendo infierire, un’accozzaglia di eventi. Ma, stranamente – e il sottoscritto è il primo a sentirsi turbato – non procede …

View Post

Transformers 5, una congiuntivite cronica – recensione

No Michael, non farlo. Non accettare il divismo in sordina, quello di nicchia. Ripudia la qualità, emula Ferretti – lui si che smarmellava! E con un po’ di budget quell’ospedale saltava in aria davvero. Ecco, Micheal, sii te stesso: gragnuola di esplosioni, sceneggiatura rabberciata, estetica compromessa. Così ci piace. E Transformers – L’ultimo cavaliere così sfila sulla passerella dell’idiozia. No, …

View Post

Memorie offuscate di un incontro – Francis F. Coppola

Se, come diceva Bazin, il cinema può dire tutto ma non mostrare tutto, ecco: io non posso mostrarvi e nemmeno dire. Mi sovviene, con la coda della penna, che io però non sono cinema. A ben pensarci mi ci sono riflesso, nel cinema, e confrontato. Il Cinema. Una delle sue incarnazioni corporee. Francis Ford Coppola. Za la FilmChi sono? Irrilevante. …