Appuntamento col terrore #4

red

“Ti piace…?”

Queste sono le parole scritte (ovviamente in giapponse) nel pop-up che compare nel computer di due ragazzi, intenti a scoprire cosa c’è dietro il mistero della Stanza rossa. Fra le varie storie dell’occulto giapponese questa è sicuramente la più recente, risalente appunto all’era di internet.

La maledizione della Stanza rossa (akai heya in giapponese) pone le sue fondamenta in un video interattivo facilmente reperibile tutt’oggi (vedi a fine artivolo), dove vengono mostrati due ragazzi alla ricerca di informazioni sulla famigerata stanza. Una volta trovata, appare un pop-up con una semplice frase incompleta: “ti piace…?”.

La prima cosa che viene da fare a chiunque trovi un pop-up è chiuderlo, ma più i ragazzi ci provano e più lo schermo si riempe del pop-up maledetto, che con una voce infantile pronuncia sempre in maniera più completa la fatidica frase.

“Ti piace la…?”

La voce infantile piano piano comincia a distorcersi man mano che la frase diventa più di senso compiuto.

“Ti piace la stanza rossa?”

Una vota completata la frase lo schermo si tinge di rosso e compare una kilometrica lista di nomi, con in fondo quelli dei due protagonisti. Il giorno dopo vediamo i professori di un liceo fare un annuncio riguardante il suicidio di due loro compagni, ritrovati insieme nella stessa stanza immersi nel loro sangue.

La leggenda narra che dopo la visione del video, appaia il famigerato pop-up destinando lo scettico spettatore alla fine dei due ragazzi. La popolarità  la diffusione della Stanza rossa si deve ad un episodio avvenuto nel 2004, quando una bambina di 11 anni della scuola elementare di Okubo uccise  una sua compagna in una stanza completamente vuota, tornandosene poi tranquillamente (e ricoperta disangue) nella sua aula.

Da un’analisi più approfondita della polizia sul computer dell’infanticida venne scoperto che uno dei link più visitati era proprio quello della Stanza rossa. La notizia si spanse a macchia d’olio e nacquer subito sostenitori della maledizione della storia di Akai heya.

Per i più coraggiosi ecco qui il link del video:

http://www.geocities.co.jp/SiliconValley/4358/red_room1.html

 

Anche per oggi è tutto, ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su