Appuntamento col terrore #2

teke

Bentornati al nostro appuntamento per scaldare gli animi in vista di Halloween. Ecco a voi il Teke teke, una leggenda ancora più cruenta della bisognosa di attenzioni Kuchisake onna. Questo essere senza arti inferiori e dall’aspetto di una donna vaga di notte in cerca prevalentemente di giovani maschi e bambini a cui piace giocare quando calano le tenebre. Sono numerose le versioni riguardanti la leggenda del Teke teke, sia sulle sue origini, sia nei suoi comportamenti e sia nei modi di uccidere.

La storia più famosa sulla nascita del Teke teke è molto piu recente alla sua amica Kuchisake onna. Una calda giornata d’estate, una ragazza ad aspettare il treno e dei ragazzi giocherelloni sono le premesse. Quelli che molto probabilmente erano studenti, si stavano annoiando in attesa dello Shinkansen, il famoso treno proiettile giapponese, quindi decidono di spaventare la studentessa, avvicinandole un insetto, dai quali era terrorizzata. spaventata e impanicata, perse l’equilibrio cadendo sulle rotaie proprio quando passò il treno (boia che sfiga), che non potendo fermarsi in tempo, la falciò in due.

Non è stao questo però a trasformare la ragazza in un demone, non esattamente. Se la ragazza fosse morta sul colpo non sarebbe successo “niente”, invece lei è sopravvissuta e ha passato i suoi ultimi attimi in agonia. Questa sofferenza prima della morte ha funzionato come catalizzatore, facendola diventare uno spirito vendicativo, un Onryou.

La vicenda più conosciuta racconta di un ragazzo, uno studente di ritorno a casa, che vede sulla balconata di una scuola prettamente maschile, una ragazza. Incuriosito, si avvicina e le sorride. La figura femminile si gira e si getta dal balcone, mostrando allo studente la sua mostruosa figura e avvicinandosi strisciando sui gomiti, producendo un suono che dà origine al suo nome. A questo punto le versioni variano: c’è chi dice che il Teke teke dopo aver catturato il ragazzo lo apra in due con la sola forza delle braccia, e c’è chi dice che abbia sempre con sé una falce. Il risultato è comunque lo stesso, la sfortunata vittima morirà o si trasformerà lei stessa in un altro Teke teke.

Anche per oggi è tutto, ci vediamo alla prossima puntata!

つづく

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo, e ti ricordiamo che puoi seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornato

Condividi su