Sitcom Top Ten

Sitcom Top Ten – Prima Parte 10/6

Sitcom Top Ten

Viviamo nell’epoca d’oro della televisione dove sempre più serie propongono storie e cast all’avanguardia capaci di rivaleggiare con il grande schermo. Rappresentazioni storiche, drammi familiari, fantasy medievali, thriller spionistici e fantascientifici e tanto altro ancora, non sono gli unici temi a catturare il pubblico. Le situation comedy, abbreviate in sitcom, con il loro formato da 20 minuti circa sono un appuntamento fisso e di successo nei palinsesti televisivi.

In questa classifica sono state selezionate 10 sitcom che negli ultimi 10 anni per accoglienza del pubblico, longevità e critica hanno spiccato sulle altre. Ecco la prima parte (la seconda a Giovedì prossimo) di questa Top Ten sulla risata televisiva:

10- 2 Broke Girls
6 Stagioni, 138 episodi – 2011/in corso – Le protagoniste della serie sono la cinica e sarcastica Max (Kat Dennings, Darcy la stagista di Jane Foster nei primi due Thor) e Caroline (Beth Behrs) rampolla dei quartieri alti di Manhattan che ha perso tutto. Le ragazze molto diverse tra loro decidono di unire le loro capacità per uscire dalla precaria situazione economica e aprire una pasticceria grazie alle dote culinarie di Max e quelle imprenditoriali di Caroline. 2 Broke Girls con il suo umorismo goliardico e irriverente ha conquistato milioni di fan.

9-The Middle
8 Stagione, 191 episodi – 2009/in corso – The Middle è una classica sitcom di stile familiare che sta per raggiungere i 200 episodi con un fedelissimo pubblico che segue la vita della famiglia Heck durante il periodo di crisi economica. Il nucleo familiare è composto dalla madre Frankie ( Patricia HeatonTutti amano Raymond), venditrice – con scarso successo – di auto in una concessionaria è anche la voce narrante della serie. Mike, il padre è interpretato da Neil Flynn l’indimenticabile Inserviente di Scrubs. I figli, dal più grande al più piccolo sono: Axl (Charlie McDermott), Sue (Eden Sher) e Brick (Atticus Shaffer).

8- The OfficeThe Office
9 Stagioni, 201 episodi – 2005/2013The Office è il remake americano dell’omonima serie inglese,  dopo un inizio difficile la critica iniziò a lodarla per come si era distaccata dalla serie madre. La sitcom narra le vicende dei precari dipendenti di un ufficio che si occupa della distribuzione della carta. Steve Carell (40 Anni Vergine e il più serio Foxcatcher che gli è valso una nomination all’Oscar), interpreta Micheal Scott l’irritante e incompetente capo ufficio. Una delle peculiarità della serie  è che viene girata come un falso documentario con i protagonisti che si confessano davanti alla telecamera come in un reality show.

7- How I Met Your Mother
9 Stagioni, 208 episodi – 2005/2014
– Un lunghissimo flashback accompagnato dalla voce narrante di Ted (John Radnor) che racconta ai figli adolescenti come tra centinaia e inverosimili avventure con gli amici Marshal (Jason Segel), Lily (Alyson Hannigan), Barney (Neil Patrick Harris) e Robin (Cobie Smulders) incontra la madre. Eletta dalla critica come l’erede di Friends, HIMYM ha avuto tantissime guest star di rilievo, per citarne solo alcune: Britney Spears, Katy Perry, Bryan Cranston, Heidi Klum e Sarah Chalke. Tantissimi easter-egg, citazioni, parodie sulla cultura pop usati in divertenti sketch comici, i personaggi e la regia hanno reso How i Met Your Mother una serie da vedere e rivedere.

Parks and Recreation6- Parks and Recreation
7 Stagioni, 125 episodi – 2009/2015
– Amy Poehler (Saturday Night Live) è la protagonista, nel ruolo dell’entusiasta e fin troppo ottimista, vicedirettrice del dipartimento della manutenzione dei parchi pubblici Leslie Knope. Membri del cast: Nick Offerman, il direttore del dipartimento, il collega Tom (Aziz Ansari – Master of None) e la stagista April (Aubrey Plaza – Legion) e oltre a loro figurano anche Chris Pratt prima di diventare Star-Lord,  Rashida Jones, Marietta Sirleaf, Jim O’Heir e Adam Scott . I fan di The Office potrebbero apprezzare soprattutto questa sitcom girata con lo stesso stile, sempre in un contesto lavorativo ma municipale, che rende Park and Recreation anche una divertente satira politica.

Vi è piaciuto l’articolo? Condividetelo e vi ricordiamo che potete seguirci anche su Facebook per rimanere sempre aggiornati!

Condividi su
Conraf

Osservatore, lettore e aspirante scrittore.