Adesso nelle sale – Io Prima di Te

io_prima_di_te_film_poster_ita

“Dovresti mordere la vita,  conquistare il mondo, dimostrare le tue scarpe da folletto a qualche marpione…  Devi allargare i tuoi orizzonti Clark, si vive una volta sola, anzi è tuo dovere sfruttare la vita al massimo”

Luoisa “Lou” Clark vive in una piccola cittadina inglese, lavora in una pasticceria per aiutare la famiglia, in quanto, per la crisi economica, il padre si è ritrovato senza lavoro. Di punto in bianco anche lei viene licenziata, la pasticceria chiude, e deve trovare disperatamente un lavoro. E’  una ragazza buffa, vestita stravagante, sempre con colori sgargianti, che stona con i colori grigi del luogo in cui abita. Prova tutto, estetista, macelleria, ma sono lavori che non le si addicono… Disposta a accettare qualsiasi cosa fa un colloquio come assistente ad una persona disabile presso la ricca famiglia Traynor, proprietaria del bellissimo castello del paese (mi chiedo se esista veramente o sia costruito in studio, su internet non trovo risposta..). L’incontro va disastrosamente ma, forse grazie alla sua allegria e ingenuità evidenti fin dal primo momento, viene assunta.

Lou si aspetta di dover assistere un anziano, ed invece chi si trova davanti è un suo coetaneo, Will (Sam Claflin), bello quanto inacidito per la sua condizione. I loro rapporti sono un disastro quanto il primo colloquio, non riescono a trovare un punto di incontro. Lui pieno di aspirazioni nella vita, ma impossibilitato a realizzarle per colpa di una paralisi che gli permette soltanto di muovere la testa; lei con tanto potenziale, energia vitale, ma priva di aspirazioni, di volontà di mordere la vita, rintanata in quel paese che non la fa esprimere a pieno. Pian piano però i due iniziano a conoscersi, a imparare l’uno dall’altra..

Un castello in Inghilterra, un proprietario ricco e bellissimo, una ragazza in difficoltà economiche alla ricerca disperata di un lavoro, un’inevitabile storia d’amore… Se può sembrare una Cenerentola ai giorni nostri, una storia un po’ scontata a primo impatto, un film già visto (ricorda in alcuni tratti Quasi amici), Io prima di te – regia di Thea Sharrock, tratto dal libro omonimo di Jojo Moyes – pone quesiti  – Quanto possiamo cambiare le persone con l’amore? Cosa siamo disposti a accettare?  Cos’è egoismo, cosa altruismo? – che un film Disney non potrebbe porre in questi termini.

Louisa scopre infatti che Will ha concesso ai genitori 6 mesi, dopo di che vorrebbe andare in Svizzera, per l’eutanasia, stanco di assistere soltanto a  una vita che vorrebbe invece vivere a pieno.  Lei non glielo può permettere, decide di lasciare il lavoro, poi di far cambiare idea a Will. Lo porta alle corse di cavalli, a concerti.  Infine organizza un viaggio, prova a farlo innamorare della vita, con la forza che solo l’amore ha.. Ma riuscirà nella sua missione?

Se avete un pomeriggio o una sera liberi in questi giorni, andate al cinema e dedicate due ore a Io prima di te, è un po’ un pugno nello stomaco lo ammetto, ma si ride anche molto (grazie soprattutto a “Lou”, interpretata da un’interessante Emily Clarke, attrice con un’espressività facciale che ormai si trova raramente) e si riflette altrettanto.. Nel caso non fossi riuscita a convincervi, vi lascio qui sotto il link al trailer ufficiale, a volte le immagini parlano più di mille parole.. Buona visione!

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=1DREiIVVYJ0]

Ti è piaciuto l’articolo? È stato di tuo gradimento? Se sì, condividilo, e ricorda che puoi sempre seguirci anche sulla nostra pagina Facebook, per rimanere sempre aggiornato!

Leda

Caos, caos dappertutto! Anche adesso, nello scrivere la presentazione. Vorrei dire mille cose, ma non c’entrano. Mi dispiace, vi toccherà leggere i miei articoli se vorrete conoscermi! Lì, ve lo prometto, cercherò di metterci sempre me stessa

Condividi su