“I delfini non nuotano come pesci ma galoppano”

 

1860

Firenze, oserei dire la città più bella del mondo, non è solo una culla di arte, di cultura e di storia ma anche di scienza. Vicino al bellissimo Palazzo Pitti, dove è facile trovare turisti in cerchio a organizzare la loro giornata, vicino a quel Bistròt tanto caro agli studenti “Mama’s Bakery”, possiamo trovare un museo di scienza naturali “La Specola”. Al suo interno, una stanza in particolare ha la capacità di essere piccola, ma allo stesso tempo molto grande per la storia che racchiude.  Una storia narrata non attraverso le pagine di manoscritti ma tramite le ossa, gli scheletri di mammiferi, rettili, pesci, uccelli, apparentemente diversissimi ma collegati non solo per il grande cerchio della vita, ma anche per  il grande albero dell’evoluzione.                                                                                                                                  Non siamo sempre stati con queste fattezze, tante tante  migliaia di anni fa’ eravamo un microorganismo unicellulare, siamo cresciuti di dimensioni, abbiamo sviluppato un tessuto osseo, siamo usciti dall’acqua, abbiamo cominciato a camminare e correre anziché strisciare, fino a sviluppare l’intelligenza, la ragione che è ciò che più ci differenzia dalle altre specie.                                                                                                                                                                  La testimonianza del nostro passato la troviamo proprio nel nostro scheletro; pensate al coccige, cosa è se non un residuo  di una coda?                                                                                                                                                                                Per coloro che sanno ascoltare, quella  ” sala degli scheletri” della Specola racconta storie curiose che poche  persone conoscono. I delfini non nuotano in acqua come fanno i pesci, ma galoppano; infatti sono mammiferi, quindi esseri viventi sviluppati sulla superficie, richiamati dai canti delle sirene dei mari. ll loro modo di muoversi è formalmente identico a quello di un cavallo poiché il piano di flessione è lo stesso, con la ” sottile” differenza che: – delfini non hanno le zampe. Pensate alla coda dei delfini mentre spinge l’acqua prima verso l’alto e poi verso il basso e adesso pensate ad un pesce pagliaccio che solca le correnti in un modo simile, ma con un piano di flessione perpendicolare (da destra a sinistra). I mammiferi che si diffusero sulla terraferma, per avere una migliore resa respiratoria, svilupparono questo originale modo di muoversi rispetto agli antenati anfibi e pesci i quali muovendo il corpo  da destra verso sinistra schiacciavano alternativamente i polmoni.  Ne conseguì  la necessità di alzare il ventre da terra sviluppando a tal fine  gli arti in modo verticale.

Il delfino è molto più vicino evolutivamente ad un cavallo rispetto ad un pesce pagliaccio; una lucertola è molto più simile ad una trota rispetto ad un topolino e l’uomo è molto più vicino,  secondo l’albero evolutivo, ad una balena piuttosto che ad uno squalo (menomale !!)                                                                                                                                         La biologia ci aiuta a percorrere la nostra storia evolutiva e incoraggia allo studio empirico evitando supposizioni e idee infondate.

 

 

 

Condividi su