View Post

La La Land – Recensione di un sogno insperato

Il tanto declamato La La Land, dal titolo quasi fumettistico, la rivitalizzazione del musical all’americana. A pelle così romanzesco e melenso, forse futile, forse vano. Le quattordici candidature all’Oscar potrebbero valere un pugno di mosche, gli elogi come parole dettate dalla stampa prezzolata. Ma invece no. La La Land è un film raro e brillante, smaltato, sì, ma anche d’autore. …

View Post

News – Wolverine MARVEL COMICS – 4 Volumi aspettando il film

Non manca molto all’uscita del capitolo finale della trilogia cinematrografica sul mutante più famoso del mondo, James “Logan” Howlett, meglio conosciuto come Wolverine e la Panini Comics coglie l’opportunità per rilanciare alcune tra le storie più belle dell’artigliato canadese. Inizialmente privo di un passato, ma con un fattore rigenerante che gli ha permesso di vivere 134 anni, Wolverine è stato molte cose: …

View Post

Star Wars: Episodio VIII – rivelato il titolo ufficiale

Squilli di trombe, rullo di tamburi, risata di Jabba e ruggito di Chewbecca. È con questa fanfara che, con giubilo di tutti i fan, Star Wars: Episodio VIII acquista un titolo nominale. O almeno ci si immagina tale, data la virulenza in sordina con cui è stato diramato. Dopo Il risveglio della Forza, ormai distante più di un anno, si …

View Post

Recensione – Arrival e la fantascienza umanistica

Ci eravamo un po’ addormentati sugli allori. Soltanto navi da combattimento vicino a Orione e filosofie esistenziali degenerate in cent’anni di solitudine. Sì, Passengers mi ha deluso, in parte, per la deriva grossolana (più ottimismo lo trovate qui). Per trovare un bell’esemplare sano di fantascienza devo ibernarmi fino a Interstellar. Fantascienza intesa nel senso più classico del genere, uomo vs …

View Post

News Rebirth – La Rinascita dell’Universo DC

La Rinascita dell’Universo DC è arrivata anche in Italia, il rilancio completo di tutte le testate con numerazione azzerata e nuovi team creativi, tutto supervisionato da Geoff Johns, già responsabile nell’ultimo decennio, insieme ad Ethan Van Sciver, della rinascita di due amatissimi eroi DC, Barry Allen (Flash II) e Hal Jordan (Green Lantern). ConrafOsservatore, lettore e aspirante scrittore.

View Post

Recensione – Passengers: una grande metafora

Arriverà forse un giorno in cui l’uomo riuscirà a colonizzare anche altri pianeti oltre alla Terra, che sia per necessità, curiosità o sete di conquista? Pensandoci ora, nonostante l’effettiva realizzazione di questi progetti sia molto lontana dalla realtà ci viene spontaneo chiederci: “Perché no?”. Ed è questa l’idea che sta alla base del nuovo film diretto da Morten Tyldum (The …

View Post

Raspberry Retropie – Retrogaming low cost

Salve a tutti lettori di VeryNerdPeople, oggi impareremo come costruire una piccola console basata su RetroPie tutta nostra capace di emulare la quasi totalità delle storiche console che hanno fatto la storia del gaming. Introduzione La nostra console sarà basata su un raspberry pi 3, un piccolo ma completo single board computer (tutti i componenti sono integrati su di una …

View Post

Sherlock – il post 4×03 (e i suoi postumi)

Nonostante tutto. Nonostante le esagerazioni, il mantenimento di uno spirito coerente – anche se più o meno drogato –, nonostante quell’inclinazione tragica e profetica. Nonostante tutto il finale di Sherlock, ancora finale della sola quarta stagione, ha un sapore definitivo. Non perentorio, vuoi per il clima birbantesco che ne impregna i connotati o per il cronico smentire quanto mostrato. Però, …

View Post

New Meta: Kassadin jungler

Rieccoci, dopo tanto tempo, ad un nuovo appuntamento di “New Meta”. Su gentile concessione di sani100 quest’oggi sarò io a parlarvi di Kassadin jungler! Ma perché mai dovreste giocare Kassadin in giungla piuttosto che mid? Be’ la risposta è semplice: perché siete delle persone orribili e volete veder soffrire gli altri. Ovviamente prima del livello 6 le occasioni per gankare …

View Post

Recensione – Florence, ritratto di un’artista magnanima

A un primo acchito, a un sussulto di trailer e sinossi, Florence pareva un’aggressiva pellicola canora. Una vicenda mantecata nell’arroganza abbiente degli Anni Quaranta americani, sulla sponda opposta rispetto a un tradizionale film in musica. La signora Jenkins sbaragliava le critiche con carisma cetuale, mentre platee di adulatori applaudivano il suo diaframma gracchiante. Ma forse, a conti fatti, la ricca …